Muro di Berlino: Il crollo che 25 anni fa cambiò il mondo

Sembrano lampioni, invece sono ottomila palloni illuminati che percorrono i chilometri di quello che una volta era il Muro di Berlino. Accesi venerdì sera hanno dato ufficialmente il via alle celebrazioni per i 25 anni dalla caduta del confine che divise la città per 28 anni. I palloni saranno liberati domenica dando il via ai festeggiamenti.

A far venire giù il gigante di 106 chilometri eretto nel 1961 non fu nessun evento naturale. Furono le picconate della gente ad abbatterlo.

La svolta arrivò con il ministro Schabowski che in una conferenza stampa annunciò improvvisamente e involontariamente, la libertà di viaggio verso l’ovest. Un giornalista italiano, il corrispondente dell’epoca dell’Ansa, Riccardo Erhman, pose allora, una domanda

“da quando sarà in vigore la legge?

La risposta fu

“Da subito”

Nell’istante in cui le agenzie di stampa batterono queste parole, il popolo inondò il confine e cancellò dalla faccia della città il muro che aveva diviso prima di ogni altra cosa un popolo. L’evento costituì la premessa indispensabile per la riunificazione della Germania con la conseguente caduta del comunismo e della contrapposizione dei blocchi in cui era diviso il pianeta dopo la II guerra mondiale.

News Correlate

Lascia un Commento