25 Settembre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Pillola abortiva Ru486, pubblicate le nuove linee guida del ministero della Salute

2 min read

Il ministero della Salute ha pubblicato le nuove linee guida sull’aborto farmacologico che introducono due importanti novità: cancellano l’obbligo di ricovero per l’utilizzo della pillola abortiva Ru486 e ne consentono l’uso fino alla 9 settimana.

Le nuove linee guida accolgono il parere del Consiglio Superiore di Sanità pubblicato lo scorso 4 agosto, e raccomandano anche “di effettuare il monitoraggio continuo ed approfondito delle procedure di interruzione volontaria di gravidanza con l’utilizzo di farmaci, avendo riguardo, in particolare, agli effetti collaterali conseguenti all’estensione del periodo in cui è consentito il trattamento in questione”.

Nel dettaglio, con la nuova determina Aifa, “risulta annullato il vincolo relativo all’utilizzo del farmaco Mifegyne in regime di ricovero dal momento dell’assunzione del farmaco fino alla conclusione del percorso assistenziale; esteso l’impiego del farmaco Mifegyne dal 49° al 63° giorno di amenorrea, pari a 9 settimane compiute di età gestazionale, in associazione sequenziale con un analogo delle prostaglandine, in linea con quanto contenuto nella scheda tecnica del mifepristone approvata in sede europea”.

Il farmaco era stato approvato dall’Aifa nel 2009, ma l’impiego era limitato al regime di ricovero per i tre giorni necessari, anche se molte regioni con ordinanze proprie permettevano invece il day hospital. Proprio la decisione della governatrice dell’Umbria Donatella Tesei di annullare la delibera della precedente amministrazione che permetteva il day hospital ha portato il ministro della Salute Roberto Speranza a chiedere un parere al Consiglio Superiore di Sanità, che ha quindi rimosso il vincolo.

Il parere è stato accolto da forti polemiche da parte del mondo ‘pro life’, contrario all’estensione, che invece, si legge anche nella circolare ministeriale, è la prassi in molti altri paesi.