20 Settembre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Portogallo fermato dall’Ucraina. Inghilterra e Francia a Valanga con Rep Ceca e Moldova

2 min read

Da una parte Ronaldo dall’altra Andriy Shevchenko ma in panchina. I grandi nomi non mancano Al Da Luz di Lisbona per Portogallo-Ucraina, gara di apertura del gruppo B delle qualificazioni ad Euro 2020. La gara è bella e vibrante, tuttavia il goal non arriva, finisce 0-0 con Ronaldo vicino al gol in due occasioni, il portiere ucraino Pyatov è però attento per tutto l’arco dei 90 minuti e gli chiude la porta per due volte.  L’estremo difensore è inoltre  strepitoso su un tiro di André Silva, abile a smarcarsi e ad andare alla conclusione, respinta con la mano di richiamo . L’Ucraina si chiude ma senza barricate, anzi nel finale sfiora quasi il goal della beffa.

OK INGHILTERRA E FRANCIA- Sterling fenomenale, l’attaccante del City realizza una tripletta, trascinando così l’Inghilterra nel 5-0 sulla Repubblica Ceca. La Francia ne fa invece 4  in Moldova, mentre, come sopra riportato, il Portogallo non riesce a superare  l’Ucraina di Shevchenko: 0-0. Gol di Calhanoglu nel successo della Turchia in Albania. Partenza positiva anche per Lussemburgo e Islanda.

ITALIA-FINLANDIA- Alle ore 20:45 di Sabato 23 Marzo l’Italia debutterà nel girone J contro la Finlandia in un gruppo che oltre alla nazionale nordica vedrà Armenia, Bosnia, Grecia e Liechtenstein. Un girone altamente superabile come detto in qualche modo da Chiellini tra le righe ma senza voler strafare: «E sento questo onore oltre che questa responsabilità. La qualificazione ad Euro 2020 per noi è imprescindibile, c’è voglia di fare bene e fiducia che non si tramuta in presunzione. Abbiamo il giusto mix di gioventù ed esperienza. Niente squalifica in Champions per Cristiano Ronaldo? Non mi aspettavo nulla di diverso».

PROVOCAZIONI AVVERSARIE- In puro stile nordico non mancano le provocazioni alla nazionale italiana come fu in passato contro Svezia, Danimarca e Norvegia. Il tecnico finlandese alla vigilia del match parla apertamente di una squadra, la sua, dedita nel replicare quanto fecero gli svedesi con gli azzurri, impedendogli di andare al mondiale di Russia: «Noi vogliamo sempre vincere, anche se contro l’Italia sarà difficile. Se la squadra ha fiducia possiamo farcela, ma tutto sommato anche un pari andrebbe bene. Svezia Mondiale? E’ stato un risultato enorme per loro, si sono comportati con molta disciplina e noi cercheremo di fare lo stesso».