ART News

Agenzia Stampa per emittenti radiofoniche

Presidenziali USA 2024: George Clooney chiede il ritiro di Joe Biden

2 min read

La corsa alla Casa Bianca sta prendendo una nota hollywoodiana, con auspicati passi indietro, ritorni clamorosi e voci di corridoio. E allora arrivano anche gli attori, ma non Trump e Biden che dovrebbero essere i protagonisti, bensì George Clooney. Eh si, perchè l’attore e regista, in un editoriale sul New York Times, chiede il ritiro del Presidente dalla corsa al 1600 di Pennsylvania Avenue.

Afferma con amarezza Clooney: “Non può vincere la sua battaglia contro il tempo. Nessuno di noi può. E’ terribile da dire ma il Joe Biden con cui sono stato insieme tre settimana fa per una raccolta fondi non era il Joe Biden del 2010. Non era il Joe Biden del 2020. Era la stessa persona che abbiamo visto al dibattito”. Poi aggiunge: “Adoro Joe Biden. Come senatore. Come vicepresidente e come presidente. Lo considero un amico e credo in lui. Credo nel suo carattere. Credo nella sua morale. Negli ultimi quattro anni ha vinto molte delle battaglie che ha dovuto affrontare. Ma l’unica battaglia che non può vincere è quella contro il tempo”.

Le previsione dell’attore sono quasi catastrofiche: “Non vinceremo a novembre con questo presidente. Oltre a ciò, non vinceremo alla Camera e perderemo il Senato. Questa non è solo la mia opinione: questa è l’opinione di ogni senatore, deputato e governatore con cui ho parlato in privato. Era stanco? Sì. Un raffreddore? Forse. Ma i leader del nostro partito devono smetterla di dirci di non aver visto quello che 51 milioni di persone hanno visto. Siamo talmente terrificati dalla prospettiva di un secondo mandato di Donald Trump che abbiamo optato per ignorare ogni segnale di avvertimento. L’intervista con George Stephanopoulos ha solo rafforzato quello che abbiamo visto la settimana prima”.

Le speranze di vittoria sarebbero legate all’arrivo di un nuovo candidato che, secondo Clooney, “ravviverebbe il nostro partito e sveglierebbe gli elettori. Joe Biden è un eroe, ha salvato la democrazia nel 2020. Abbiamo bisogno che lo faccia di nuovo nel 2024”.

Autore