20 Settembre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Quota 100: cosa potrebbe cambiare

1 min read

Qualcosa potrebbe cambiare per Quota 100 anche se sarà confermata fino alla scadenza di fine 2021. Chi utilizzerà questo canale per lasciare prima il lavoro potrebbe quindi dover aspettare tre mesi in più prima di iniziare a percepire la pensione. Sarebbe questa una delle ipotesi al vaglio dei tecnici in vista della Manovra e che consentirebbe al governo di risparmiare almeno 600 milioni di euro nel 2020 e circa un miliardo a regime.

Come riporta Il Corriere della Sera, l’obiettivo dell’esecutivo è quello di sostituire quota 100 a partire dal 2022 con un sistema flessibile sul modello dell’Ape sociale. Una delle soluzioni è quella prospettata dal senatore Pd, Tommaso Nannicini, che punta sulla possibilità di lasciare il lavoro a 64 anni di età con il ricalcolo contributivo di tutto l’assegno, insieme con l’introduzione di quota 92 per le categorie deboli (disoccupati e altri).

Ad oggi le finestre d’attesa tra la maturazione del diritto e la decorrenza della prestazione sono di tre mesi per i lavoratori del settore privato e di sei mesi per i dipendenti pubblici. Con tre mesi in più, diventerebbero di sei e nove mesi. Per quanto riguarda l’Ape social e l’opzione donna, verrebbero prorogati anche nel biennio successivo.