10/04/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Rassegna: Il Milan soffre, l’Atalanta spinge, Inter pronta al decollo. Astori, al minuto 13 il pallone si ferma in suo ricordo

2 min read

Rassegna stampa di giovedì 4 marzo, il turno di campionato numero 25 si concluderà questa sera con la gara tra Parma ed Inter, ai nerazzurri la possibilità di allungare a più 6 sul Milan, fermato in casa dall’Udinese sull’1-1, con un pari arrivato su rigore al minuto 97. Tanta fatica per il Milan che comunque mantiene il secondo posto ma la Juventus si avvicina, così come la Roma che vince 2-1 a Firenze. Si diverte invece l’Atalanta, il 5-1 al Crotone è un chiaro segnale al campionato ma soprattutto ai rossoneri che ora dovranno difendere non solo la seconda posizione ma anche la quarta, sempre più a rischio. Andiamo a vedere i titoli dei maggiori quotidiani odierni, partendo da Repubblica.

REPUBBLICA- Il quotidiano nell’edizione odierna si concentra sulla gara del Milan, a pag. 34, un’analisi a cura di Enrico Currò: “Il Milan stecca ancora lo scudetto si allontana Ibra fa lo spettatore”. Currò tocca tanti tasti con questo titolo, l’1-1 con l’Udinese a fine gara è festeggiato come una vittoria ma attenzione all’altalena di risultati che da inizio 2021 colpisce la squadra rossonera, mentre Pioli a fine gara tenta di mantenere un sorriso a stento, probabilmente preoccupato più per la corsa delle inseguitrici al quarto posto. I 53 punti attuali separano i rossoneri di 4 lunghezze dalla Juventus che però dovrà recuperare contro il Napoli il 17 di marzo. Anche l’Atalanta è a 49, fa impressione la facilità di andare in goal da parte degli uomini di Gasperini, cosa che al Milan non riesce più se non su rigore. Rigore che arriva anche ieri ad evitare la depressione post sconfitta ma di fatto è come se lo fosse per quanto accaduto nell’arco dei 90 minuti. Ai rossoneri va dato atto del fatto che avere un rigore al minuto 97 vuol dire essere nell’area di rigore avversaria, nel tentativo disperato di risolvere una situazione che ha quasi del grottesco.

CORRIERE DELLO SPORT- Sul Corriere dello sport di questa mattina, oltre al riassunto della giornata numero 25, c’è il doveroso omaggio a Davide Astori, scomparso esattamente tre anni fa, la notte antecedente alla gara con l’Udinese: “Parlano Marco e Bruno Astori, i fratelli del campione di calcio e di umanità che perdemmo improvvisamente tre anni fa”. E ancora: “«Era il Maradona o il Pelé dei valori. La gente questo l’ha percepito all’istante. La ricorrenza non ci fa effetto. Quel giorno di marzo è lo spartiacque tra le due esistenze. In questa non potremmo mai ambire alla felicità piena, manca lui»”. Il pallone si ferma al minuto 13 su tutti i campi per ricordare il giocatore che con la sua integrità morale e con la sua scomparsa sconvolse il mondo intero il 4 marzo di tre anni fa. Gli ultrà della Fiorentina, come riporta il quotidiano, nella giornata di ieri hanno inviato tutti ad appendere alle finestre un vessillo viola per ricordarlo.