23/09/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Rassegna: Lazio-Torino una replica di Juve-Napoli. Barça, arrestato l’ex presidente. Moto Gp, Valentino a pochi giorni dal via

3 min read

Rassegna stampa di martedì 2 marzo, torna la Serie A con il turno infrasettimanale, in programma questa sera dalle 18:30 Lazio-Torino, non senza difficoltà, come riportato questa mattina dai maggiori quotidiani in prima pagina. Alle 20:45 Juventus-Spezia, Pirlo dovrà cercare di mantenere la “promessa”fatta in conferenza stampa alla vigilia, ovvero continuare a lottare per lo scudetto. I presupposti ci sono ma l’altalena di risultati fino ad ora dice il contrario. C’è poi Conte che secondo gli altri tecnici di A sarebbe il migliore in Italia, il proseguo della stagione fornirà conferme o smentite, ad ogni modo si gode il primato in classifica, senza distrazioni dalle coppe. Infine Ibrahimovic, stasera il debutto a Sanremo da infortunato, due settimane di stop non gli impediranno comunque di cantare con Mihajlovic, performance in programma nella serata di giovedì. Andiamo a vedere i titoli dei maggiori quotidiani odierni, partendo da Gazzetta.

GAZZETTA DELLO SPORT- Il campionato di Serie A, come detto, per questa sera Lazio-Toro è confermata ma attenzione a ciò che potrebbe accadere, come riporta la rosea in prima pagina ed internamente: “Oggi in campo solo la Lazio. La Asl blocca il Torino ma la Lega non rinvia. Finirà come Juve-Napoli”. Pag 13: “Lazio Toro non si gioca. La Asl ha vietato il viaggio ma la Lega non rinvia. I granata non possono partire per Roma. In campo solo i biancocelesti. Sarà il replay di Juve-Napoli”. Il quotidiano spiega inoltre che dopo la rovente giornata di ieri, utilizzata per trovare una soluzione, la gara slitterà molto probabilmente ad Aprile, intanto oggi si capirà se con rinvio da parte della Lega o per giustizia sportiva, ipotesi questa più plausibile. Milan, nel taglio alto della prima pagina l’attesa ormai finita per quello che sarà il debutto del Festival di Sanremo senza pubblico ma con Ibrahimovic, il quale si ferma causa infortunio ma contro l’Udinese sarà comunque in tribuna. Giovedì invece la performance con Mihajlovic, per loro una canzone tra le più belle e conosciute della storia della musica italiana. Calcio estero, fine di un’era, arrestato l’ex presidente Bartomeu con l’accusa di aver ingaggiato una società dedita a screditare gli oppositori del club, tra i quali anche alcuni giocatori, come Messi e Piquet.

CORRIERE DELLA SERA- Cambiamo argomento, Moto GP, sul Corriere della sera le parole di e per Valentino Rossi, a pochi giorni dal via del motomondiale 2021, in partenza dal Qatar il 28 marzo: “Nel 2021 si cambia- si legge a pag. 43- non più il team Yamaha Factory ma il Team Petronas. Stessa moto, ancora ufficiale, ma con una livrea nuova: «Mi piace e si sposa bene con i miei colori storici. Non sto nella pelle, pensando al primo test» ammette il Dottore e in Petronas confermano: «Per lui è come un nuovo inizio — dice Johan Stigefelt- Ci aspettiamo competenza, esperienza e il suo innato ottimismo». E di lui parla anche il nuovo compagno di squadra Franco Morbidelli: «Vale mi ha sempre sostenuto. Ci alleniamo sempre insieme. E insieme faremo grandi cose».

REPUBBLICA- Torniamo al calcio, questa sera alle 20:45 Juventus-Spezia, la prima occasione per Pirlo per mettere in pratica quanto detto alla vigilia, in conferenza stampa. Il tecnico bianconero parla sempre di scudetto senza arretrare, malgrado i dieci punti di distanza dall’Inter, seppur con una gara in meno. L’Inter ha impiegato 22 turni per prendersi il primo posto, la possibilità che Pirlo ci riesca in 14 appare remota ma comunque la Juventus lo sappiamo, negli anni ci ha abituato a rimonte incredibili, dunque tutto rimane aperto, come ricordato dal tecnico bianconero: ««Nessuno si sarebbe tirato indietro, se avesse avuto la fortuna di allenare la Juve. Non invidio chi ha potuto fare la gavetta come Italiano, che stimo molto. L’umore della squadra è buono». E ancora: «Certo che mi aspettavo qualche punto in più, ma purtroppo abbiamo qualche punto in meno. Uno parte sempre per vincerle tutte, invece abbiamo perso punti per strada. Però quello ormai è il passato e guardiamo il futuro che si chiama Spezia».