27/02/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Rassegna, le colpe di Conte per quei cambi necessari. Il Milan esulta mentre la Juve corre: Danilo Superstar ma quante insufficienze!

3 min read

Rassegna stampa di lunedì 11 gennaio, il campionato al centro delle prime pagine odierne, su tutto il Milan a più tre sull’Inter al termine del turno numero 17. La Roma ferma i nerazzurri sul 2-2, ne approfitta la Juventus che con la vittoria per 3-1 sul Sassuolo prende altri due punti a Conte, ad una settimana dalla sfida del Meazza, con il Milan che rimarrà a guardare per poi trasferirsi a Cagliari per il Monday Night. Andiamo a vedere i titoli dei maggiori quotidiani odierni partendo da Gazzetta dello sport.

GAZZETTA DELLO SPORT- Il duello tra Inter e Juve al centro della prima pagina ad una settimana dalla sfida del Meazza, con il grande rimpianto dell’assenza del pubblico, verrebbe da dire. La situazione in classifica è assolutamente equilibrata, come non accadeva da molti anni a questa parte. L’Inter sbatte contro la Roma dopo la sconfitta di Genova, la Juve invece infila la terza vittoria consecutiva con almeno 3 goal, dopo i tre schiaffi subiti contro la Fiorentina. Ad ogni modo domenica sera sarà spettacolo, come ricordato dalla rosea di questa mattina: “Occhio Conte, arriva la Juve”. E ancora: “I rimpianti dell’Inter: gioca meglio ma la Roma acciuffa il 2-2 Il tecnico sbaglia i cambi e sul mercato è rassegnato. La scalata di Pirlo:  fatica contro il Sassuolo in 10. Gol di Danilo, Ramsey e CR7: 3-1. Guai al ginocchio: Dybala si ferma, c’è allarme”. Milan, focus nel taglio alto sulla squadra rossonera, in particolare sul ritorno di Ibrahimovic: “Il Milan scappa ancora e Pioli prenota mezzo scudetto”. E ancora: “Ibra, ricomincio da più 3. Zlatan ritrova i rossoneri soli in vetta. Mercato: Simakan il primo rinforzo. La situazione relativa al difensore dello Strasburgo vede l’offerta del Milan a 15 milioni di euro più 3 di bonus, contro quella del Lipsia, alla pari ma che lascerebbe il giocatore in Francia fino a giugno, al contrario del Milan che lo vorrebbe subito.

CORRIERE DELLO SPORT- Da evidenziare il titolo del quotidiano in prima pagina, il quale “incolpa” Antonio Conte per il pareggio subito dalla Roma nei minuti finali, Roma che era passata in vantaggio dopo pochi minuti di gioco per poi essere ripresa e rimontata nel secondo tempo: “Conte frena l’Inter”. E ancora: “Giallorossi in vantaggio con Pellegrini, l’uno due dei nerazzurri siglato da Skriniar e Hakimi. Goal del pari di Mancini, nel mirino i cambi del tecnico: «Necessari, spese tante energie». A pag. 7, ecco spiegate le sostituzioni: «Vidal ha avuto un problema alla gamba e ha chiesto il cambio. Lautaro era esausto, ci siamo accorti che la Roma cercava sempre il passaggio tra le linee e per questo gli avevo chiesto di abbassarsi, così come Hakimi. L’Inter ha una rosa importante e non deve essere un problema fare le sostituzioni». Questa la chiosa del tecnico nerazzurro, beccato a fine partita per quei cambi sbagliati, secondo molti, mentre per lui necessari.

TUTTOSPORT- Andiamo a vedere le pagelle di Juventus-Sassuolo, secondo il quotidiano piemontese a pag. 5, a cura di Antonino Milone. Il migliore in campo è senza dubbio Danilo (7,5), con il goal che sblocca la gara e l’assist finale per Ronaldo incorona un match quasi perfetto, addizionato ad una prova sontuosa, a tratti di sacrificio: “Il peso della diffida con vista sull’Inter non lo condiziona e non ditegli che deve riposare perchè sta giocando troppo. Buone chiusure, discreta assistenza alle avanzate juventine, un destro terra aria a 100 all’ora che fa il paio con il suo ultimo goal in Serie A: 15 luglio 2020, naturalmente al Sassuolo. Suo pure il lancio per il 3-1 di Ronaldo”. Diverse le insufficienze: Bonucci, Bentancur, Arthur, Dybala e Demiral, tutte sul 5,5. Sassuolo, il piazzamento migliore è in condivisione tra Locatelli e Traorè, un bel 7 per entrambi che non si sono mai risparmiati per tutti i 90 minuti. Male male Obiang, voto 4 a causa dell’espulsione sul finire del primo tempo, per un brutto pestone ai danni di Chiesa, rivisto al Var dall’arbitro Massa (6).