27/02/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Rassegna: Milan, contro il Toro senza Calhanoglu. Juve ed Inter turno di fuoco. Serena racconta lo scudetto

3 min read

Rassegna stampa di venerdì 8 gennaio, al centro di tutto, il campionato alla vigilia del turno numero 17. Dopo la sconfitta del Milan per mano della Juventus, si riapre tutto ed ora i rossoneri proveranno a recuperare quanto perso mercoledì sera, contro un Toro che potrebbe nuovamente portarli a più 4 sull’Inter e a più 10 sui bianconeri, in attesa che anche loro giochino rispettivamente contro Roma domenica alle 12:30 e Sassuolo. Un turno dunque che potrebbe si favorire il Milan ma attenzione al trend positivo dei granata degli ultimi turni. Andiamo a vedere i titoli dei maggiori quotidiani odierni, partendo da Gazzetta dello sport.

GAZZETTA DELLO SPORT- Il campionato in primis, come sopra riportato, la prima pagina odierna vede spiccare i quattro campioni che ad oggi caratterizzano il nostro campionato: Ibra, Lukaku, Dzeko e Ronaldo: “Un campionato mai così avvincente. Scudetto 4 bellezze”. Titola così la rosea che poi aggiunge: “Milan solido ma senza pace: perde anche Calhanoglu. Intanto si scalda Ibra. All’Inter serve un vice Lukaku. Sogno Roma con Mkhitaryan. La Juve è tutta stelle e Chiesa”. E a proposito di Calhanoglu, il centrocampista turco ha una caviglia gonfia, non rotta ma dolorante. Impossibile che giochi domani sera contro il Toro, come spiegato proprio dal quotidiano: “Un primo controllo pare abbia escluso fratture- si legge a pag. 6 ma il dolore c’è e ieri era piuttosto intenso: meglio evitare di forzare, ricorrendo ad antidolorifici e rischiando di procurare guai peggiori. L’opzione più logica– prosegue la rosea- è quella di Brahim Diaz al suo posto, affiancato da Castillejo a destra e Hauge a sinistra. Quella più ardita è tentare la scommessa Maldini dal primo minuto”. Il focus di oggi è ovviamente sui rossoneri che dopo Benevento-Atalanta e Genoa-Bologna, apriranno il ciclo delle gare tra le prime della classe.

CORRIERE DELLA SERA- Sul Corriere della sera una lunga intervista ad Aldo Serena, il quale a pag. 42 racconta le proprie impressioni in merito alla lotta scudetto: «L’Inter poco lucida sotto porta, perde molto senza Lukaku. Il Milan non esce ridimensionato, la Juve quando azzecca la partita è la più forte e la Roma ha una rosa di qualità. L’Inter ha perso, ma ha fatto meglio di altre partite in cui aveva vinto. Alternativa a Lukaku? Non avere un’alternativa a Lukaku, e non intendo un uomo con le sue stesse caratteristiche ma nel modo di giocare, la penalizza. C’era ansia e non la tranquillità dei forti che ti dà la consapevolezza di poter ribaltare certe gare. L’Inter è un po’ cupa, non ha leggerezza nella testa che ti fa aggiustare partite così. Il Milan ha perso perché ha incrociato sulla sua strada una Juventus formato Barça e quando i bianconeri stanno così sono di un altro pianeta. Juventus? ha scelto una strada di rinnovamento con Chiesa, Kulusevski, lo stesso Pirlo in panchina: per il momento ha alti e bassi, ma ha una qualità superiore. Se non ci fossero le coppe direi che è la favorita. Scudetto? I nerazzurri hanno fatto 8 vittorie con un gioco che non ha impressionato. Devono migliorare nella gestione della partita, la manovra d’attacco è sempre lenta. Le qualità ci sono. Milan e Inter sono sullo stesso livello. Il Milan però ha una freschezza che all’Inter manca. I giocatori sono meno pressati, recuperano prima, anche a livello fisico e dalle sconfitte. Ha meno stress dell’Inter. Se è in testa non è per un caso, se la giocherà fino in fondo per lo scudetto perché ha qualità e un gioco».