24/07/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Rassegna: Nicolato entusiasta, Mancini spera fiducioso. Calciomercato, qualcosa cambierà al Milan. Ducati, parla Dall’Igna

3 min read

Rassegna stampa di mercoledì 31 marzo, orgoglio azzurrino dopo il 4-0 alla Slovenia ed il secondo posto nel girone di qualificazione per l’accesso ai quarti di finale dell’europeo Under 21. 4-0 goal che valgono il secondo piazzamento dietro la Spagna ed ora si attende il 3 maggio per sfidare a Lubiana, la prima del gruppo D. I quotidiani odierni raccontano orgogliosi di una nazionale giovane e pronta a fare il grande salto, prova ne siano le parole di Nicolato del dopo partita. Intanto questa sera la nazionale maggiore contro la Lituania, Mancini non si fida e si affida ai migliori, sperando di chiudere in bellezza le prime tre gare del girone di qualificazione a Qatar 2022. Andiamo a vedere i titoli dei maggiori quotidiani, partendo da Gazzetta dello sport.

GAZZETTA DELLO SPORT- Under 21, super Cutrone regala una splendida vittoria all’Italia, due goal fantastici che spingono la squadra alla vittoria contro la Slovenia. Gli azzurri si impongono per 4-0. Gazzetta di questa mattina a pag 11 apre in questo modo: “Cutrone è super, Slovenia demolita. Azzurrini ai quarti”. E ancora: “Segnano anche Maggiore e Raspadori. Il poker vale il secondo posto dietro la Spagna”. Per Cutrone un 7,5: “Grinta da capitano ma servivano i goal: eccoli. Manca un rigore alla serata perfetta. Compensa con il 4-0”. Calciomercato Milan, Romagnoli, rinnovo complicato ma per lui si apre un mondo, ovvero una possibilità di trasferimento in uno dei club più prestigiosi in assoluto. A pag. 14 il punto con Alessandra Gozzini: “Il capitano in bilico: vuole 6 milioni. Romagnoli-Milan, rinnovo difficile. E spunta il Barça”. Il club catalano secondo quanto riportato dal quotidiano, starebbe cercando un difensore centrale mancino. Chelsea? Stessa cosa ma già anni fa, sotto la gestione Berlusconi-Galliani, la società respinse un’offerta da 40 milioni di euro. La rosea attribuisce al centrale un voto medio stagionale pari a 5,92 su 28 gare stagionali disputate fino ad ora. Poco. Ad ogni modo ci pensa Raiola: “Il contratto scadrà nel 2022, Raiola pensa al raddoppio dell’ingaggio. Con Kjaer e Tomori il posto non è garantito. In A può farsi avanti la juve”. Tutto questo mentre il giocatore si prepara a festeggiare, sabato contro la Sampdoria, le 220 presenze con la maglia rossonera, ovvero il 54esimo giocatore più presente nella storia del club.

CORRIERE DELLA SERA- La Nazionale maggiore a pag. 50 del quotidiano, le idee di Mancini per chiudere in bellezza contro la Lituania, questa sera la terza delle prime gare di qualificazione al Qatar. Alessandro Bocci fa il punto in merito alle scelte del ct azzurro: “Qualificazioni mondiali Terza partita in 6 giorni: con la Lituania tanto turnover e un obiettivo dichiarato”. E ancora: “Mancini alza il tiro”. E sul possibile record: “A caccia di Marcello Lippi- scrive il quotidiano- ma con il cuore in tempesta. Roberto Mancini non si fida della Lituania, la terza partita in sei giorni sulla strada verso il Qatar”. Probabili: LITUANIA (4-5-1)- Svedkauskas; Mikoliunas, Gaspuitis, Beneta, Vaitkunas; Novikovas, Dapkus, Simkus, Slivka, Lasickas; Cernych. ITALIA (4-3-3)- Sirigu; Toloi, Acerbi, Bastoni, Emerson; Lorenzo Pellegrini, Locatelli, Pessina; Chiesa, Immobile, Bernardeschi.

REPUBBLICA- Cambiamo argomento e passiamo ai motori, a pag. 37 del quotidiano una lunga intervista a Dall’Igna, direttore generale Ducati, scuderia di Borgo Panigale: «Motore Desmodronico congelato? Il congelamento è parziale, ci sono tante cose intorno su cui lavorare: l’impianto di scarico, l’aspirazione, le mappature. E l’aerodinamica. Ci siamo concentrati sulla carenatura. Funziona. Però l’abbiamo provata solo qui, è presto per dire se ci potrà dare vantaggi anche altrove. Il segreto? Certi paramenti per ottimizzare il rendimento, non posso dare altri dettagli». «Copiarci? Ci impiegheranno un po’. E quando capiranno, avremo trovato qualcosa di nuovo. Fa parte del gioco. Ma sulla velocità pura, credo siamo arrivati al limite: con queste regole, non penso fare di più».