24/09/2022

ART News

Agenzia Stampa per emittenti radiofoniche

Rassegna: oggi tocca a Napoli e Juventus. Spalletti carico con un po’ di rammarico. Allegri invita a cambiare una regola

3 min read

Mixed zone, partono bene le romane, la Lazio vince 2-1 contro il Bologna nonostante l’espulsione di Maximiano dopo 5 minuti. Sarri ritrova anche Immobile in goal dopo l’ottima passata stagione. Andiamo a vedere che cosa ha detto il tecnico della Lazio nella conferenza stampa post gara: “La partita è stata difficile, sembrava la classica partita in cui ogni singolo episodio ti va contro. La mia grande preoccupazione era giocare in questo clima per 90 minuti in inferiorità numerica. Sono soddisfatto della tenuta fisica, dell’applicazione tattica, visto che abbiamo dovuto giocare tutt’altra partita rispetto a quello che abbiamo preparato, e sono contento anche dell’aspetto caratteriale, perchè siamo rimasti in partita e appena c’è stato un episodio a nostro vantaggio lo abbiamo sfruttato. Cosa ho detto all’arbitro sull’ammonizione? Non me lo ricordo neanche, ho protestato tutta la partita. Anche giustamente ho protestato. Non entro nel merito dei singoli episodi ma la conduzione della partita non mi è piaciuta”. Mourinho: “Mi è piaciuto tutto della squadra. Ovviamente mi piacerebbe di più stare tranquillo, vincere 3, 4 o 5 a zero, ma mi è anche piaciuto vedere una squadra che ha avuto la maturità di gestire questo risultato. Di solito queste partite finiscono male o soffrendo, ma questa volta non è successo. Perché la gente che è entrata non era gente per “uccidere” ma per gestire, come Matic, Wjinaldum. Non siamo il Manchester City o il Liverpool, per non parlare di squadre italiane che anche lo fanno, che possiamo far entrare qualcuno per uccidere il match”.

LE GARE DI OGGI- Ore 18:30 Verona-Napoli, Spalletti vuole partire subito forte per non cominciare in defezione rispetto alle grandi che tutte hanno vinto, in attesa poi della Juventus, in campo alle 20:45 contro il Sassuolo. “Quando sono arrivato ho conosciuto Aurelio e mi ha spiegato il suo percorso futuro con me. Mi è stata prospettata una squadra di transizione per quanto riguarda conti, ringiovanimento rosa, ritorno in Champions, da far funzionare per rimettere mano ai conti tramite un buon calcio e per avere richieste perché nei due anni precedenti nessuno aveva avuto richieste a causa dei risultati. Gli obiettivi sono stati centrati al 100%, anche con un po’ di rammarico come dite voi, ma centrati”. Queste le parole di Spalletti, alla conferenza stampa di vigilia. 

JUVENTUS-SASSUOLO- Ore 20:45, tocca alla Juventus di Massimiliano Allegri, “obbligato” a partire bene, dopo le difficoltà della scorsa stagione. Anche per lui la conferenza stampa di vigilia: “Abbiamo lavorato bene in questo mese, ma la prima partita è sempre strana e che incuriosisce. Contano i tre punti e affrontiamo una squadra tecnica. La condizione non è massimale, ma dobbiamo giocare da squadra e con grande entusiasmo da parte di tutti. Formazione? Abbiamo fuori Rabiot e Kean per squalifica. Secondo me questa cosa del regolamento è da rivedere perché un conto se uno viene espulso all’ultima giornata di campionato un altro se uno prende la somma di ammonizioni dopo 38 partite. Questa è la mia idea. Fuori anche Szczesny che sta recuperando, Aké e Pogba. Arthur ha un problema alla caviglia e le voci di mercato lo distraggono. McKennie è disponibile.