29/06/2022

ART News

Agenzia Stampa per emittenti radiofoniche

Rassegna: ora la Roma, la finale di Conference per chiudere in bellezza. F1, rabbia Leclerc. Volley, Conegliano cade in finale

3 min read

Rassegna stampa di lunedì 23 maggio, in apertura il calcio, il Milan è campione d’Italia per la diciannovesima volta nella propria storia, la prima per Pioli e per gran parte della squadra. Lo scudetto precedente risale al 2011, anche in quell’occasione presente Ibrahimovic. Il 3-0 al Sassuolo apre ai rimpianti di Inzaghi che fa altrettanto con un 3-0 alla Sampdoria ma non basta, l’Inter è seconda, è Pioli a tagliare il traguardo per primo in uno dei campionati più avvincenti degli ultimi anni. Al terzo posto si posiziona il Napoli ma lo sapevamo, 3-0 allo Spezia già salvo, la Juve chiude invece quarta, con 70 punti e la certezza della prossima Champions.

MILAN LUNGIMIRANTE- 86 punti in classifica, solo 4 sconfitte e 69 goal messi a segno, Pioli costruisce una squadra quasi perfetta capace di sovvertire il pronostico di partenza e poi di far cambiare idea ai più scettici nel corso della stagione, lo scorso anno un secondo posto che già aveva lanciato qualche segnale, ovvero che la scelta di proseguire con lui nel 2020 invece che affidare la squadra a Rangnick era un’intuizione vincente.

EUROPA- Europa, il quinto posto è dellaLazio che chiude in maniera spettacolare, 3-3 con il Verona e Ciro Immobile capo cannoniere del torneo per l’ennesima volta. Roma grazie al 3-0 al Toro l’Europa League è un obbiettivo centrato, un punto sotto i biancocelesti. In conference ci va la Fiorentina, il 2-0 alla Juventus tiene a bada l’Atalanta che ad ogni modo chiude nel peggiore dei modi, sconfitta 1-0 dall’Empoli e fuori da tutte le competizioni.

IN CODA- In coda, Genoa in B dopo 15 anni, era la stagione 2006-07 quella in cui il Grifone fu promosso in Serie A. Prima dei liguri il Venezia, comunque in lotta entrambe fino alla fine. L’ultima a retrocedere in Serie B è il Cagliari, la squadra sarda non riesce a segnare quel goal al Venezia che avrebbe permesso di scavalcare la Salernitana, sconfitta dall’Udinese addirittura per 4-0. Cagliari dunque in B dopo lo 0-0 di Venezia, campani salvi, Nicola riesce nell’impresa dopo che la squadra aveva trascorso tre quarti di campionato all’ultimo posto della classifica.

CONFERENCE- Il campionato è finito ma mercoledì si gioca la finale di Conference League, la Roma affronta il Feyenord a Tirana, l’appuntamento è per mercoledì 25 maggio alle ore 21. Sabato 28 invece la finale di Champions League tra Liverpool e Real Madrid, l’Europa League è andata invece all’Eintracht Francoforte che ha battuto ai rigori i Rangers Glasgow.

FORMULA UNO- Cambiamo argomento, F1, succede di tutto al Gp di Barcellona, un problema tecnico costringe al ritiro Charles Leclerc, dominatore dei primi ventisette giri. Ne approfitta la Red Bull: vince Max Verstappen, guadagnando così la prima posizione della classifica generale. Perez chiude secondo davanti alla Mercedes di George Russell. La Ferrari deve accontentarsi del quarto posto di Carlos Sainz, scattato male al semaforo e in testacoda nelle battute iniziali.

VOLLEY- E chiudiamo con il Volley femminile, Il Vakifbank Istanbul si laurea campione d’Europa per la quinta volta nella propria storia. Sconfitto nella finale Champions League a Lubiana (Slovenia) Conegliano. Il risultato finale dice 25-22, 25-21, 23-25, 25-21 in favore delle turche.