26/11/2022

ART News

Agenzia Stampa per emittenti radiofoniche

Rassegna: Serie A, si riparte con tre sfide top. Spalletti e Pioli alla vigilia con umori contrastanti. Moto GP, Martìn alla grande

3 min read

Rassegna stampa di sabato 1 ottobre, Serie A, si torna a giocare dopo le due settimane dedicate alle nazionali. Turno numero 8, alle 15 Napoli-toro, gli azzurri pronti allo sprint in vetta solitaria mentre il Toro cercherà di fermare la corazzata di Spalletti, per riprendere un po’ di fiato dopo l’altalena degli ultimi turni. Alle 18 c’è Inter-Roma, inutile dire quanto possa valere questa gara per Inzaghi ai fini della classifica e per Mourinho a livello personale. Alle 20:45 Empoli-Milan, andiamo a vedere che cosa hanno detto proprio Spalletti e Pioli alla vigilia, nelle rispettive conferenze stampa, partendo dal tecnico del Napoli.

LA SITUAZIONE AD OGGI- “Nonostante nazionali e viaggi, siamo pronti. Non abbiamo avuto infortunati e li ho visti tutti molto presenti. Ogni partita serve a ricordare se siamo forti oppure no”.

CI VUOLE TEMPO- “È un discorso che va al di là della valutazione di una gara. Il percorso sarà lungo e difficile e tutte le volte dobbiamo rifare le stesse cose. Serve impegno costante non solo per il risultato ma per quanto riguarda lo sviluppare ogni singolo allenamento, con gli atteggiamenti corretti per avere continuità nel lungo periodo”.

SCELTE- “Raspadori o Simeone? Entrambi giocheranno, per arrivare a fare quel percorso lungo dobbiamo avere gente in condizione e stimolata. Non è facile e vanno utilizzati i 5 cambi. Rigiochiamo martedì per cui anche scrivere chi è titolare e l’altro no, cambia poco. Noi abbiamo loro due per 90′ e poi altri 90′ martedì e li utilizzeremo insieme, sono due titolari”.

SU RASPADORI- “Jack è un calciatore forte con potenza nelle gambe, qualità e personalità. È un ragazzo ambizioso che vuole crescere, non si fermerà alle prime soddisfazioni”.

Milan, con l’Empoli vietato sbagliare dopo la sconfitta con il Napoli. Pioli alla vigilia.

SULLA GESTIONE- “Non mi piace sentir parlare di gestione delle risorse e delle energie – ha detto il tecnico rossonero in conferenza -. Daremo tutto. Rebic sarà convocato, Origi sta recuperando ma sarà ancora out”.

DA QUI AL MONDIALE- “Giocheremo 12 partite in 44 giorni, tanti impegni. Non dobbiamo cambiare assolutamente la nostra mentalità, non mi piace sentir parlare di gestire delle risorse e delle energie. Noi ci prepariamo sempre al meglio, la prossima partita è sempre la più importante, vogliamo uscire dal campo avendo dato tutto”.

SITUAZIONE- “La squadra vedremo domani come sta. Le soste sono sempre molto particolari… In questi due giorni al completo comunque ci siamo allenati molto bene, ho visto intensità e ritmo. Rebic sarà convocato, Origi sta meglio ma sarà ancora fuori, anche se sta recuperando. Tutti gli altri stanno bene, a parte gli infortunati noti”.

Moto GP, si corre in Thailandia, nella giornata di ieri concluse le libere, ora si attendono le qualifiche

MARTÌN- È di Jorge Martìn il miglior tempo delle libere 3 della MotoGP in Thailandia. Il pilota spagnolo, in sella alla sua Ducati del team Prima Pramac, chiude la sessione in 1:30.205 davanti alla Ducati factory di Jack Miller e alla Yamaha di Fabio Quartararo. Diciassettesimo Francesco Bagnaia, che ad ogni modo riesce a conquistare il pass diretto per il Q2. Marc Marquez si prende il 10° tempo della sessione, ma resta fuori dal Q2 per soli 7 millesimi.

Autore