Referendum: terminato il voto degli italiani all’estero

Mancano poche ore al voto di domenica per il referendum, ma per qualcuno è già tempo di bilanci. In particolare per il voto degli italiani all’estero.

avarie-571092-610x431

Nelle sedi dei consolati italiani le urne sono state chiuse e sigillate alle 16 di ieri ( ora locale).

Le schede sono quindi state riposte in valigette diplomatiche, scortate al più vicino aeroporto e imbarcate sotto il controllo del personale del Ministero degli Esteri. Tra oggi e domani arriveranno a Fiumicino, dove verranno immagazzinate in un hangar sorvegliato dalla Polaria. Domenica mattina, sotto gli occhi di sette magistrati della Corte d’Appello di Roma i plichi saranno aperti e le schede saranno infilate in urne che verranno sigillate in attesa di essere riaperte alle 23 e scrutinate contemporaneamente con le schede del resto d’Italia.

Il primo dato che emerge è quello sull’affluenza che si attesta attorno al 40% al di là delle più rosse aspettative del Governo che contava di portare alle urne almeno il 30%.

matteo-renzi-referendum

Dunque un dato c’è, ma in chiaroscuro, positivo o negativo a seconda dell’esito che avrà questo voto che potrebbe diventare decisivo, come paventava chi ha minacciato il ricorso in caso di vittoria del Sì proprio in ragione dell’ingerenza di Renzi nella formazione dell’opinione dei nostri connazionali oltre confine.

Questo scambio d’accuse e veleni sono l’ultimo atto di questa campagna elettorale che si conclude oggi

img_2032

con il premier che preme sull’acceleratore in vista degli ultimi impegni,  con un intervento radiofonico di prima mattina per poi trasferirsi a Palermo e Reggio Calabria prima di chiudere alle 21 in piazza della Signoria a Firenze. E c’è tempo anche per  un ultimo #Matteorisponde sui social. A sostegno del NO Beppe Grillo del M5S chiude alle 17 in piazza San Carlo a Torino, ultima tappa del #treno tour che ha toccato 47 città in 23 giorni. Sempre a sostegno del NO comizio sui generis a Napoli, dove sullo stesso palco ci saranno la sinistra dem di Roberto Speranza, il sindaco Luigi De Magistris e Sinistra italiana.

News Correlate