20/10/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Revenge porn: oltre mille indagini dall’entrata in vigore del Codice Rosso

1 min read

Sono oltre mille le indagini aperte in Italia per revenge porn, il reato che punisce la “diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti”, a un anno dall’entrata in vigore del Codice Rosso, il pacchetto di misure voluto da Alfonso Bonafede contro la violenza di genere.

Il dato è contenuto nel report realizzato dallo stesso ministro della Giustizia e presentato in streaming con la partecipazione all’evento del premier Giuseppe Conte, della ministra per le pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti, e di Valeria Valente presidente della Commissione di inchiesta sul femminicidio e sulla violenza di genere.

In particolare, sono 1.083 le inchieste aperte per revenge porn, di cui: 121 richieste di rinvio a giudizio 226 richieste di archiviazione 8 sentenze emesse, di cui: 2 condanne con rito abbreviato 3 patteggiamenti 1 condanna in Tribunale 2 proscioglimenti 3 processi conclusi in Tribunale, 13 ancora in corso.

Intanto con uno storico verdetto, applicando l’orientamento tracciato a luglio dalla Corte di giustizia Ue, la Cassazione ha riconosciuto il diritto di una donna che aveva subito violenza sessuale, e non era stata risarcita dai suoi aguzzini, ad essere indennizzata dallo Stato. La questione del mancato risarcimento era finita davanti ai giudici comunitari perché il nostro Paese non ha recepito la direttiva Ue sul mancato indennizzo alle vittime.