14/04/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Riapertura cinema e palestre, si va verso lo slittamento oltre il 15 gennaio. Dipenderà dalla curva epidemica

1 min read

Si profila ancora uno slittamento per la riapertura di palestre, piscine, centri estetici, cinema e teatri. Il Dpcm con le attuali chiusure scade il 15 gennaio, ma tutto dipenderà, in maniera quasi ovvia, dall’andamento dei contagi da coronavirus. La decisione finale del governo verrà presa a ridosso della scadenza del decreto, ed intanto le associazioni di categoria premono per riaprire.

Per le palestre si ipotizza una riapertura contingentando ulteriormente gli ingressi e ripristinando la regola che vieta l’accesso negli spogliatoi. Sarebbe previsto un protocollo standard che prevederebbe solo lezioni singole e non più di gruppo. Per quanto riguarda le piscine, invece, si valuta l’ipotesi di un’unica persona per corsia.

Per i teatri, i cinema e le sale da concerto il problema è rappresentato per lo più dalle code che si creano all’ingresso più che dalla presenza all’interno, dove i posti si possono distanziare. Per i musei, invece, si valuta un forte contingentamento degli ingressi in modo da evitare assembramenti dentro e fuori le sale.

Non potranno riaprire a breve le discoteche e le sale da ballo, che per loro natura prevedono assembramenti, mentre è ancora in dubbio la ripartenza a pieno regime di bar e ristoranti. Dal 7 gennaio tornerà la suddivisione in tre zone dell’Italia. Tuttavia per consentire la riapertura sia a pranzo sia a cena dei locali si dovrà avere un Rt uguale o inferiore a 0,5.