27/09/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Roberto Maroni ha annunciato non si ricandiderà alla presidenza della Regione Lombardia

2 min read

Roberto Maroni ha annunciato che non si ricandiderà alla presidenza della Regione Lombardia. “Non c’entrano la salute e altre questioni – ha precisato Maroni – è una decisione mia, personale, per cui chiedo a tutti il rispetto. Con la politica ho una lunga storia d’amore che nasce tanti anni fa con Umberto Bossi e che dura da un quarto di secolo, fatta di grande passione, di successi e sfide. Questa storia d’amore comunque rimane, perché fa parte di me. Sono assolutamente soddisfatto del lavoro fatto in Regione”.

Al suo posto il centrodestra potrebbe candidare Attilio Fontana, ex sindaco di Varese. In Forza Italia si è invece fatto il nome di bandiera dell’ex ministro Mariastella Gelmini.

Parlando dello scenario italiano post-voto, il governatore lombardo non ha risparmiato le critiche nei confronti di un eventuale governo a guida M5s: “Ho solo una preoccupazione: che possa assumere responsablità di governo uno come Luigi Di Maio. Per me Di Maio è Virginia Raggi al cubo. Spero che non vada a Palazzo Chigi”.

Con “l’autonomia che sarà portata a termine entro le elezioni, possiamo concludere in bellezza e aprire una prospettiva straordinaria per la Lombardia”, ha sottolineato il governatore lombardo in conferenza stampa, facendo un primo bilancio della legislatura. “E’ la sfida conclusiva del mio mandato, che si concluderà il 4 marzo, una sfida che voglio vincere: il 22 ottobre è stato un referendum storico, una sfida epocale”, ha proseguito.

“Abbiamo iniziato una trattativa col governo – ha affermato ancora il presidente della Lombardia – senza il referendum non ci sarebbero stati i tavoli territoriali. Sono 23 le materie che possono essere trasferite e il mio obiettivo è quello di firmare l’accordo entro le elezioni, possibilmente entro fine gennaio, sia sulle competenze sia sulle risorse”.