22/06/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Sarri: “Vantaggio ancora non sostanzioso. Non voglio parlare di Athur”

2 min read

Sarri carico per la sfida con il Lecce, domani sera la Juventus affronterà in casa la squadra che ha affrontato il Milan, uscendo malconcia al termine dei 90 minuti con i rossoneri, 1-4 che fa ben sperare il tecnico bianconero, in virtù soprattutto della sconfitta della Lazio contro l’Atalanta e del pari dell’Inter con il Sassuolo. Come riportato da Sportmediaset, Sarri ha rilasciato una lunga conferenza pre gara, per quanto riguarda il calcio d’inizio, l’appuntamento è alle 21:45 del venerdì, unica gara in programma

SULLE CONCORRENTI- “Non ho visto l’Inter, lavoravo. E ho visto soltanto uno spezzone di Atalanta-Lazio. Noi dobbiamo guardare molto ai nostri risultati e poco a quelli degli altri. In questo momento non abbiamo un vantaggio sostanzioso, ci sono 33 punti in palio e dobbiamo volere punti i tre punti in tutte le partite. Dobbiamo concentrarci solo sulla prossima sfida senza fare tabelle”.

SULL’AVVERSARIO- “In questo momento le partite sono tutte difficili – ha sottolineato -. Dobbiamo essere bravi nell’approccio, senza essere superficiali o presuntuosi. Il Lecce gioca bene a calcio e i risultati migliori li ha fatti in trasferta”.

TRA SQUALIFICHE ED INFORTUNI-  “Potrebbe giocare Matuidi terzino sinistro, è una soluzione che abbiamo già provato. Ne sto provando un paio, compresa questa. Pjanic? E’ a completa disposizione e sta crescendo, lo tengo sempre in massima considerazione. Arthur? Il brasiliano è un giocatore dei catalani e mi pare brutto parlarne, così come non mi è piaciuto quando il loro allenatore ha parlato di Pjanic. Non ne voglio parlare”.

QUATTRO SULLA LAZIO-  “L’aspetto più positivo è stato l’approccio al secondo tempo, nonostante il doppio vantaggio siamo entrati in campo con la voglia di chiudere la gara senza fare troppi calcoli. Negli ultimi 20 minuti abbiamo fatto fatica, ma abbiamo mostrato voglia di lottare. Potevamo però palleggiare di più nella metà campo avversaria”.

CHI SI RIVEDE- “Il Pipita in questo momento è spendibile solo per uno spezzone di partita, come Ramsey. Stanno crescendo. Bernardeschi è un giocatore che fa comodo perché può giocare in più ruoli, deve solo trovare continuità di rendimento. Secondo me può diventare un grande interno di centrocampo, ma può fare anche l’esterno”.