ART News

Agenzia Stampa per emittenti radiofoniche

Sciopero nazionale oggi del trasporto pubblico. I sindacati: “Salario, sicurezza e dignità”

2 min read

Giornata nera per il trasporto pubblico in tutta Italia: oggi si fermano autobus, metropolitane, tram e treni a causa di uno sciopero indetto dall’Unione sindacale di base, Lavoro privato. Ci sarà anche un presidio davanti al ministero dei trasporti nella giornata del 3 marzo con lo slogan: “Rivendichiamo salario, sicurezza e dignità agli autoferrotranvieri”.

Gli orari dello sciopero nelle grandi città: a Roma si fermerà l’Atac, Cotral Astral e Roma Tpl con i mezzi fermi dalle 8:30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio. A Milano bus, metro e tram a rischio dalle 8:45 alle 15:00 e dalle 18:00 a fine servizio. Anche Trenord è coinvolta nella protesta. A Napoli lo sciopero del personale dell’Anm di 24 ore, dalla mezzanotte di oggi fino alla mezzanotte di domani, colpirà metro, bus e funicolari. Il servizio sarà garantito solo nelle fasce che comprendono le ore di punta.

Le richieste del sindacato:  “Si tratta di mobilitazioni che vogliono rivendicare la centralità dei trasporti pubblici e del ruolo degli addetti al settore, principali vittime delle privatizzazioni selvagge, dei continui ricorsi ad appalti, subappalti e subaffidamenti che alimentano sfruttamento e precarizzazione”, dichiara il sindacato, aggiungendo: “In tutti questi anni, sul trasporto pubblico si è fatta solo retorica spicciola e si sono messe in campo ricette tutt’altro che efficaci con finanziamenti che hanno favorito le aziende private, da sempre impegnate a incrementare i loro profitti, penalizzando l’implementazione dei servizi, l’efficientamento dei mezzi e la sicurezza sui posti di lavoro”.

L’Unione Sindacale di Base chiede inoltre la parificazione contrattuale tra aziende pubbliche e private, una nuova scala parametrale che garantisca aumenti salariali e annienti le penalizzazioni economiche ai nuovi assunti, la diminuzione dell’orario di lavoro a 35 ore settimanali a parità di salario, l’avvio di un Piano Nazionale dei Trasporti e una maggiore tutela sulla sicurezza e salute sul lavoro.

Autore