ART News

Agenzia Stampa per emittenti radiofoniche

Serie A: Ibra lascia, Mou resta. Spareggio salvezza Spezia-Verona

2 min read

Termina ufficialmente la regular season di Serie A 2022-2023, ma questo campionato avrà una coda: lo spareggio salvezza Spezia-Verona per decretare la terza squadra che retrocederà in Serie B con Cremonese e Sampdoria. Si disputerà in gara unica domenica prossima 11 giugno alle ore 20.45 con sede ancora da stabilire. Ci sarà spareggio per spezzini e scaligeri che escono sconfitti dalle gare valide per la 38esima e ultima giornata. Liguri battuti 2-1 dalla Roma all’Olimpico, veneti stesi dal Milan a San Siro per 3-1.

Un addio illustre, una conferma importante e un grave infortunio. Al termine del match contro l’Hellas, Zlatan Ibrahimovic che il 3 ottobre prossimo compirà 42 anni, annuncia il suo addio al calcio. Dunque, lascia definitivamente l’attività un altro straodinario campione minato dall’età e dagli infortuni. A proposito di infortuni, la Roma, sempre più sfortunata, perde anche Tammy Abraham che riporta un grave danno al ginocchio. Auguri di pronta guarigione all’attaccante inglese. Nel frattempo, Leao con una doppietta al Verona festeggia il prolungamento del contratto.

Un gesto emblematico. Sempre nella Roma, Josè Mourinho, a fine match fa il giro d’onore del campo acclamato da 60mila tifosi romanisti che lo amano e con un gesto fa chiaramente capire: “Io resto qui”. Quindi, salvo colpi di scena, lo Special One rispetterà il terzo anno di contratto nonostante le sirene estere che lo corteggiano. Intanto, i giallorossi reagiscono alla grande amarezza di Budapest firmata Siviglia e ribaltano lo Spezia con una rete di Dybala su calcio di rigore al 90′. Poi il mediocre arbitro Maresca, decide di prolungare i tempi supplementari della disgraziata finale di Europa League, assegnando un overtime di 16 minuti come recupero oltre il 90esimo. Follia da classe arbitrale scarsa.

Roma in Europa League da sesta insieme all’Atalanta, quinta in classifica, che travolge il Monza nel derby lombardo: 5-2 con tripletta di Koopmeiners. Il club di Silvio Berlusconi invece chiude all’11esimo posto, un gradino sotto il 10° posto fissato come obiettivo da Adriano Galliani l’estate scorsa. La Juventus vince 1-0 a Udine grazie a un gol di Chiesa ma chiude settima e va in Conference League, a meno che la Uefa non decida di escludere la Vecchia Signora dalle Coppe europee per i processi sportivi.

Completa il quadro della domenica calcistica il pirotecnico 3-2 con cui il Bologna espugna Lecce chiudendo al 9° posto: cioè alle spalle delle “7 sorelle” e della Fiorentina che mercoledì disputerà la finale di Conference League a Praga contro i britannici del West Ham. Ricordiamo: la Lazio termina la stagione al 2° posto, l’Inter sul gradino più basso del podio e il Milan in quarta posizione. Queste squadre parteciperanno alla prossima Champions League insieme al Napoli campione d’Italia che chiude una stagione trionfale con un 2-0 interno alla Samp.

 

Autore