27 Settembre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Serie A tra posticipo e valzer delle panchine: prima gioia per Ranieri. Brescia, c’è Grosso. Una rosa di nomi per l’Udinese

2 min read

LEICESTER, ENGLAND - SEPTEMBER 17 : Manager Claudio Ranieri of Leicester City at King Power Stadium ahead of the Barclays Premier League match between Leicester City and Burnley at the King Power Stadium on September 17th , 2016 in Leicester, United Kingdom. (Photo by Plumb Images/Leicester City FC via Getty Images)

Un lunedi calcistico tra “Monday Night” e valzer delle panchine. Partiamo dal posticipo del lunedi che sorride alla Sampdoria di Claudio Ranieri. Colpo salvezza in casa della Spal. Al 46’ della ripresa è Caprari di testa a regalare ai doriani la seconda vittoria stagionale, la prima per Ranieri: una vittoria che allontana i blucerchiati dall’ultimo posto in classifica e manda all’inferno una Spal colpevole di non avere capitalizzato la mole di gioco espressa nel primo tempo, rispetto a una Sampdoria dimessa e impaurita. Succede tutto nel finale, quando il pari sembrava già scritto. Invece Depaoli serve un pallone in area dalla destra, Ramirez allunga di testa verso Caprari: zuccata vincente e Samp in paradiso. Semplici aveva chiesto una squadra capace di produrre gioco e intensità: nel primo tempo accade proprio questo, ma la ripresa dice ben altro e ora il tecnico spallino rischia l’esonero. Spal nuovo fanalino di coda con 7 punti, come il Brescia che a sua volta ha già provveduto a licenziare l’allenatore: via Corini, arriva Grosso.

Un campione del mondo per patron Cellino, mentre prosegue il casting in casa Udinese. Fabio Grosso ha risolto consensualmente il contratto che lo legava al Verona per dire sì alle “Rondinelle”. Dopo aver pranzato a Milano con il proprio agente Beppe Riso, Grosso si è messo in viaggio per Brescia per sottoscrivere un contratto sino a fine giugno con opzione di rinnovo per la prossima stagione. Dopo aver toccato i playoff con il Bari, nella scorsa stagione è stato esonerato ai primi di maggio dall’Hellas. Quindi il campione del mondo 2006 con l’ItalLippi, è alla prima esperienza in Serie A. Nei giorni scorsi ha avuto più di un colloquio con Massimo Cellino che, alla fine, lo ha preferito al collaudato Diego Lopez, ora al Penarol. In casa Udinese invece prosegue il casting dopo l’esonero di Igor Tudor. I bianconeri col traghettatore Luca Gotti in panchina hanno vinto 3-1 in casa del Genoa. E qualcuno comincia a parlare di una possibile conferma di Gotti. In realtà, il nuovo tecnico dei friulani uscirà da un poker di candidati: Ballardini, Zenga, Carrera e Di Biagio. Chi di questi quattro vincerà il “Grande Fratello” prodotto dalla famiglia Pozzo? Ancora poche ore e sapremo. Intanto, questo calcio sempre più isterico e senza pazienza ha già prodotto 5 esoneri dopo soli 11 turni di campionato.