Strage di Instanbul, identificato attentatore: 28 anni, passaporto kirghizo. Arrestata la moglie

Mentre proseguono senza sosta le indagini sull’attentato di Capodanno a Istanbul costato la vita a 39 persone e continua la caccia al responsabile dell’attacco alla discoteca Reina, la corrispondente di ITV britannica Sally Lockwood, citando fonti di polizia, riferisce che la moglie del presunto attentatore è stata arrestata.
“Ho saputo dell’attacco solo dalla tv – avrebbe detto alla polizia turca la donna -. Non avevo idea che mio marito fosse un simpatizzante dell’Isis“.

Oltre alla moglie sarebbero stati fermati anche altri familiari: quindi gli investigatori sarebbero a conoscenza dell’identità dell’uomo: “La polizia conosce l’identità dell’attentatore e la sua famiglia è stata arrestata”, ha reso noto il quotidiano Hurriyet. Si tratterebbe del 28enne Iakhe Mashrapov, con passaporto del Kirghizistan rilasciato dalla repubblica ex sovietica dell’Asia centrale il 21 ottobre. Lo riferisce la tv di Stato.
Hurryet rende noto, inoltre, che nel corso delle indagini è stato accertato che il killer è arrivato in Turchia dalla Siria nel novembre del 2016 nella città di Konya (Anatolia), nel centro del Paese, in compagnia della moglie e di due figli.

Ieri è arrivata la rivendicazione dell’Isis della responsabilità dell’attentato in un comunicato in cui lo Stato islamico altri attacchi. Il gruppo terrorista definisce la Turchia “apostata” e “serva dei crociati”. Diffuso intanto un video-selfie girato prima della strage che ritrae il terrorista nella celebre piazza Taksim di Istanbul.

Commenta l'articolo con Facebook

News Correlate