29 Ottobre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

In questo numero: tatuaggi hi-tech sulla pelle, gruppi WhatsApp, serie TV per gatti e un robot “ammazza” germi

2 min read

Audio in HD disponibile per le radio. Info 06 4567 72 19

 

Immaginate di poter stampare direttamente sulla vostra pelle tatuaggi hi-tech che tengono monitorati i vostri parametri vitali e vi avvisano se qualcosa non va. Sembra fantascienza ma non lo è per un team di ricercatori della Pennsylvania, che ha progettato sensori indossabili che possono essere applicati direttamente sulla pelle. I risultati dello studio descrivono questa tecnologia innovativa, che non richiede alte temperature per “fondere” il sensore con il materiale su cui viene applicato. Questi sensori aiuterebbero non solo a monitorare la propria temperatura corporea, ma se correttamente programmati potrebbero consentire anche di rilevare i sintomi del coronavirus.

Le chat di gruppo sono croce e delizia di tutti noi, e WhatsApp ha letteralmente rivoluzionato il nostro modo di comunicare: la possibilità di parlare con più persone e condividere con tutti pensieri e parole da una parte è importante, dall’altra può diventare irritante. Soprattutto quando le notifiche arrivano a più non posso. Oggi l’App di messaggistica istantanea più famosa al mondo permette ai suoi utenti di zittire questi gruppi per otto ore, una settimana o un anno. Ma a breve si potranno silenziare per sempre.

I gatti sono indubbiamente i protagonisti incontrastati del web, tanto che alcuni di loro sono diventati delle vere e proprie celebrità. Ebbene, se i milioni di foto e video di felini che circolano in rete non dovessero bastare, qualcuno ha pensato di lanciare anche una piattaforma streaming che propone i film e le serie tv più famose… ma interpretate da gatti! La piattaforma si chiama Catflix. Nel catalogo si trovano titoli come “Titanicat”, “Cat of Thrones”, “Breaking Cats”, “Paranormal Cativity” e molti altri.

Basta pesticidi e chimica nei vigneti, adesso ci pensa un robot di ultima generazione a raggi UV con cui sarà in grado di prevenire le malattie delle piante. Icarox4, questo il suo nome, è un piccolo robot che gira per i campi utilizzando i raggi ultravioletti ad azione germicida, raggi in grado di spaccare le catene di Dna delle cellule di funghi e batteri. Per combattere le malattie dei vigneti quindi non serviranno pesticidi o prodotti chimici ma basterà la luce. Probabilmente Icarox4 sarà utile anche nelle coltivazioni di frutta e verdura, con una copertura di circa 10 ettari.