09/03/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

In questo numero: la nuova mascherina anti-Covid, robot empatici, chatbot dei defunti e il dispositivo per baciarsi a distanza

2 min read

Audio in HD disponibile per le radio. Info 06 4567 72 19

 

In occasione dell’ultima edizione della fiera tecnologica più famosa del mondo, un brand di gaming, ha presentato un gadget decisamente curioso che ha attirato l’attenzione di tanti. Si tratta di una mascherina anti-Coronavirus tra le più tecnologiche viste fino ad ora, dall’aspetto futuristico e capace di bloccare il 95% delle particelle. La mascherina tecnologica ha filtri intercambiabili collegati a un’app che avvisa quando è il momento di sostituirli. Inoltre è dotata di microfoni e amplificatori per diffondere la voce in modo più naturale.

Nei robot si è accesa la prima scintilla di empatia: lo dimostra l’esperimento nel quale è stata realizzata una macchina capace di prevedere le azioni di una sua simile semplicemente osservandola. Il risultato è il primo segnale di come anche nei robot potrebbe esistere una Teoria della mente, ossia la capacità finora ritenuta esclusiva degli esseri umani di mettersi nei panni degli altri per anticiparne le azioni. Il risultato getta le basi per una comunicazione più efficiente sia tra le macchine, sia tra le macchine e l’uomo.

L’intelligenza artificiale ha fatto fatto passi da gigante, tanto da consentire ai chatbot di assumere connotati quasi umani. In questo senso Microsoft vorrebbe farne uso per poter comunicare con i defunti. È la UberGizmo ad aver scoperto il brevetto per questa tecnologia, il che tuttavia non assicura che Microsoft rilascerà la funzionalità. L’IA deve poter capire i comportamenti e le abitudini della persona con cui si intende comunicare per arrivare a rispondere come farebbe il soggetto, se questo fosse ancora in vita. Solo così si può creare un chatbot capace di impersonare il defunto.

Molte coppie vivono relazioni a distanza, soprattutto in questo momento in cui mantenere la distanza è determinante. Anche per queste coppie dunque è in arrivo l’aiuto della tecnologia, in questo caso quella di Kissenger, uno strano dispositivo che permette di baciarsi a distanza. Lo strumento in silicone si applica allo smartphone e restituisce proprio la sensazione di baciare le labbra del partner che si trova dall’altra parte del cellulare e fa la stessa cosa.