15/05/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Tulsa, primo comizio di Trump dopo il lockdown

2 min read

“Siete dei guerrieri”. Sono le parole con cui Donald Trump ha salutato i suoi fan aprendo il suo primo comizio dalll’emergenza coronavirus all’interno dell’arena di Tulsa in Oklahoma. Il tycoon ha esordito: “Grazie Oklahoma, abbiamo ripreso la nostra campagna, abbiamo visto fake news in queste settimane, voi siete guerrieri, abbiamo un gruppo fantastico qui a Oklahoma. La maggioranza silenziosa è più forte che mai”.

Di fronte a un pubblico inferiore alle attese, il presidente ha parlato anche di coronavirus, che negli Stati Uniti ha causato finora quasi 120 mila morti e ha contagiato 2,2 milioni di persone: “Ho salvato centinaia di vite umane”, ha detto, vantandosi delle misure prese per fronteggiare la pandemia e attribuendo al grande numero di test effettuati il record di casi e di morti. Il presidente degli Stati Uniti ha ironizzato poi sul Covid dicendo che ha più nomi di “qualsiasi altra malattia della storia” e aggiungendo che “molti lo chiamano virus, molti la chiamano influenza, ha 19 nomi diversi. Io lo chiamo Kung-flu”. All’inizio dell’epidemia lo aveva ribattezzato “virus cinese”.

Più avanti nel suo discorso Trump ha detto di aver chiesto di “rallentare i test” perché il loro aumento porta un incremento dei casi. Una frase su cui la Casa Bianca è stata costretta a precisare: “È ovvio che l’abbia detto scherzando. Siamo molto orgogliosi dei 25 milioni di test fatti”.

Il presidente Usa, riferendosi all’abbattimento dei monumenti dell’esploratore italiano in varie città americane ha poi dichiarato: “Stanno prendendo di mira le statue di Cristoforo Colombo. Io, invece, vi dico che amo l’Italia e dico grazie al popolo italiano, ne siamo molto orgogliosi”.

Trump ha poi attaccato i media definendoli “fake news disonesti” per aver insinuato che potrebbe essere malato dopo averlo notato mentre scendeva in modo incerto una rampa di scale all’Accademia di West Point e mentre beveva un bicchiere d’acqua con due mani. Il tycoon ha spiegato le difficolta’ nello scendere le scale con il fatto che indossava scarpe con la suola di cuoio. “Se avessi un problema di salute, ve lo direi”, ha detto.

Su Biden Trump ha poi proseguito: “Joe Biden è “un pupazzo della sinistra radicale”. Se sarà eletto alla Casa Bianca, ha proseguito, “riempirà la Corte suprema di estremisti”.

Momenti di tensione dopo il comizio di Donald Trump a Tulsa, quando un gruppo di uomini armati ha cominciato a seguire i manifestanti che protestavano contro il presidente e uno di loro con una maglietta del tycoon è uscito dalla vettura e ha spruzzato loro dello spray al peperoncino. La polizia è intervenuta col lo spray irritante per disperdere la folla.