21/06/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Usa, giustiziata Lisa Montgomery: prima volta in quasi 70 anni per una donna

2 min read

È stata eseguita la pena di morte per Lisa Montgomery, la prima donna ad essere giustiziata negli Stati Uniti a livello federale dal 1953. La donna è stata dichiarata morta all’1.31, dopo aver ricevuto un’iniezione letale.

Il giudice distrettuale James Patrick Hanlon aveva bloccato l’iniezione letale prevista per permettere una perizia psichiatrica. Una decisione che si pensava avrebbe fatto slittare l’esecuzione a dopo l’insediamento del presidente appena eletto Joe Biden, che avrebbe quindi potuto graziare o commutare la condanna essendosi impegnato a lavorare per abolire la pena di morte. La Corte Suprema degli Stati Uniti ha poi dato il via libera al dipartimento di Giustizia. La sentenza ha quindi consentito all’Ufficio federale delle carceri di procedere con l’esecuzione.

Nel dicembre 2004 Montgomery, 52 anni, uccise la 23enne Bobbie Jo Stinnett, rimuovendo la bambina dal grembo della donna e poi tentando di far passare per sua la neonata. La piccola si salvò, ma per la madre non ci fu niente da fare. Montgomery fu arrestata e condannata poco dopo. Sin dal primo momento la difesa ha puntato sull’infermità mentale mettendo in rilievo i danni psicologici riportati dall’imputata per gli abusi subiti durante l’infanzia. Violenze subite dal patrigno con l’omertà della madre.

Nella nota diffusa dal Dipartimento di Giustizia Usa si legge che la donna è morta nel carcere di Terre Haute, nell’Indiana. È stata l’11esima esecuzione di una condanna a morte da luglio, quando il presidente Donald Trump le ha ripristinate dopo ben 17 anni.