4 Dicembre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Usa, seconda notte di disordini a Philadelphia per l’uccisione di Wallace

2 min read

Seconda notte di proteste e disordini a Philadelphia, dopo l’uccisione del 27enne afroamericano Walter Wallace da parte della polizia. Mentre un corteo ha marciato pacificamente lungo le vie della città, in alcune zone si sono ripetute scene di vandalismi e saccheggi di negozi. La polizia ha invitato i residenti di sette distretti a restare in casa per il pericolo di violenze. Wallace è stato ucciso dagli agenti mentre brandiva un coltello per strada. Il 27enne era affetto da problemi psichici è stato raggiunto da diversi colpi di pistola di poliziotti che gli hanno sparato perché non aveva gettato l’arma.

In serata i genitori hanno spiegato che gli agenti sapevano che il loro figlio era in preda a una crisi psichiatrica perché lunedì erano stati a casa della famiglia tre volte. Cathy Wallace, la madre, ha detto che una di queste volte, “sono rimasti lì, a ridere di noi”. L’avvocato della famiglia Wallace, Shaka Johnson ha accusato i metodi e la preparazione degli agenti che non sarebbero adeguatamente addestrati a affrontare situazioni del genere: “Quando si arriva sulla scena di una crisi mentale e l’unico strumento con cui affrontarla è una pistola… “. Johnson, il fratello di Walter riferisce di aver chiamato il 911 per richiedere l’ assistenza medica e un’ambulanza non l’intervento armato della polizia.

Diverse centinaia di uomini della Guardia nazionale della Pennsylvania sono stati dispiegati a sostegno delle forze dell’ordine su richiesta del governatore dello Stato, il democratico Tom Wolf. La dirompente violenza delle proteste ha dunque portato ad un ulteriore dispiegamento di agenti per tentare di arginare l’assalto da parte di gruppi di vandali dei negozi lungo le vie della città. Nella prima serata di disordini sono stati quasi cento gli arresti e una trentina i poliziotti feriti. A causa dei disordini nelle ultime ore la polizia è stata costretta a chiedere agli abitanti di varie zone della città di rimanere in casa. La Cnn ha riferito della marcia pacifica di un gruppo di manifestanti e poi di scontri vicino a un commissariato di polizia dove diverse persone hanno iniziato a lanciare sassi, lampadine e mattoni contro i poliziotti – con almeno un agente ferito – e di saccheggi in un’altra zona della città.

A Washington, la Casa Bianca ha rilasciato una dichiarazione poco prima dell’1 di questa mattina affermando che i disordini sono un’altra conseguenza della guerra dei liberal democratici contro la polizia e che l’amministrazione Trump sta orgogliosamente con le forze dell’ordine e, su richiesta, è pronta a mettere in campo tutte le risorse federali disponibili per porre fine ai disordini. La portavoce Kayleigh McEnany ha poi precisato: “In America, risolviamo i conflitti nei tribunali e attraverso il sistema giudiziario. Non possiamo permettere che governi la folla”.