29 Ottobre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

In questo numero: i borghi montani più belli dello Stivale

3 min read

Audio in HD disponibile per le radio. Info 06 4567 72 19

 

L’autunno è arrivato e ha portato con sé i suoi colori caldi che riempiono il cuore. Questa stagione è da sempre quella ideale per dirigersi alla scoperta delle località italiane di montagna. Proprio per questo motivo faremo un giro tra i borghi montani più belli dello Stivale, veri gioielli da vivere tutti di un fiato.

Le montagne abruzzesi sono dei veri tesori a cielo aperto e molti sono i paesini che meriterebbero una visita. Tra questi Scanno, piccolo borgo della provincia de L’Aquila e in parte compreso entro i confini del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Nei dintorni da non perdere è il particolare lago omonimo.

In Veneto si erge Cison di Valmarino, un borgo con diversi monumenti e luoghi di interesse e un centro storico assolutamente caratteristico. Da non perdere l’imponente fortezza di Castel Brando.

Anche l’Umbria regala borghi montani ideali da visitare in autunno. Uno di questi è Montefalco, località dall’elevato valore storico e artistico e a due passi dallo spettacolo delle vigne del Sagrantino.

Nella magica Basilicata una visita la merita Lagonegro, un piccolo comune situato in una zona dall’elevato valore naturalistico. Un borgo che sorge tra laghetti e sorgenti e che sorprende tutti i suoi visitatori.

In Alto Adige è certamente imperdibile è Santa Maddalena, l’ultimo paese che si incontra salendo la Val di Funes. Un luogo che sembra uscito dalle favole e che con il tiepido sole autunnale regala degli scorci che entrano nell’anima.

In Valle d’Aosta c’è Bard, il più piccolo comune italiano che si estende a ridosso di un imponente promontorio roccioso. Imperdibile è certamente il suo maestoso e fiabesco forte.

Anche la Toscana ha i suoi imperdibili borghi di montagna per l’autunno. Uno di questi è Santa Fiora, che vanta una storia singolare e che si sviluppa lungo gli assi che collegano la chiesa di Sant’Agostino, alla chiesa di Sant’Antonio, di cui resta solo la facciata, fino al convento delle cappuccine.

Poi la Lombardia. Tra i comuni più elevati d’Italia c’è Livigno (in provincia di Sondrio) un borgo così bello e posizionato in un ambiente naturale altamente eccezionale a tal punto da essere considerato “il piccolo Tibet”. D’inverno è certamente un capolavoro, ma durante l’autunno i suoi colori sono incredibili.

In Molise c’è Capracotta, un borgo bellissimo e con una storia particolare: le origini del nome del borgo sono legate principalmente a una leggenda che narra che alcuni zingari avessero deciso di bruciare una capra come rito di fondazione. La capra fuggì sui monti, dove morì, e gli zingari decisero di fondare lì la città.

Un borgo di montagna spettacolare e ideale da visitare in autunno è Chianale, gioiello piemontese e diviso in due dal torrente Varaita. Un luogo altamente suggestivo e in cui sembra di vivere un sogno a occhi aperti.

In attesa del prossimo viaggio, citiamo Guy de Maupassant:

“Il viaggio è una specie di porta attraverso la quale si esce dalla realtà come per penetrare in una realtà inesplorata che sembra un sogno”