03/03/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

In questo numero: Civita di Bagnoregio e le ciclovie in Emilia Romagna

2 min read

Audio in HD disponibile per le radio. Info 06 4567 72 19

 

E’ un borgo abbarbicato su un monte scosceso, al vertice di un paesaggio bellissimo in provincia di Viterbo, in Lazio. Si tratta di Civita di Bagnoregio. Tra i borghi più belli d’Italia, è abitato da un pugno di neppure venti irriducibili, che arrivano alle proprie antiche case tramite un ponte pedonale che fu costruito nel 1965.

Civita fu edificata dagli Etruschi oltre 2500 anni fa, a guardia di quella strada che unisce il Tevere al Lago di Bolsena. Di quel periodo rimangono testimonianze importanti, con ad esempio il tunnel molto profondo chiamato Bucaione che permette l’accesso alla valle sottostante nascosto agli eventuali assedianti.

Civita è un gioiello in mezzo all’Italia, in quel punto del Lazio dove convergono anche Umbria e Toscana, uno dei territori più belli e suggestivi della Penisola. Il centro storico è spiccatamente medievale con la bella chiesa di San Donato, il palazzo Vescovile, il Palazzo Alemanni, sede di un interessante Museo Idrogeologico e delle Frane.

Pensate che per la sua indubbia bellezza e per l’interesse storico, Civita di Bagnoregio è dal 2017 nella lista dei luoghi candidato a diventare già nel 2022 Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

Spostiamoci in Emilia Romagna che si conferma una regione amica dei cicloturisti, prima in Italia per chilometri di piste ciclabili, con la nascita delle nuove ciclovie, e seconda in Italia per presenze cicloturistiche dopo il Trentino. Sono oltre 8.000 Km i percorsi in bicicletta mappati in regione, due Bike Park e tante nuove realtà bike-friendly.

E’ attivo da circa un anno il nuovo percorso ciclabile “Antiche Paludi Bolognesi”, il tracciato che collega Bologna al Parco del Delta del Po nel ferrarese. La ciclovia attraversa un territorio ricco di luoghi di interesse, sia storico-artistici, che naturalistici.

Poi c’è la Ciclovia Turistica “Adriatica” – Trovata l’intesa tra le sei regioni coinvolte ossia Marche, Veneto, Emilia-Romagna, Abruzzo, Molise e Puglia, la ciclovia di 800 chilometri punta a diventare la più lunga d’Italia.

La ciclovia Adriatica “Venezia-Lecce” toccherà l’Emilia Romagna in un percorso costiero di oltre 100 km da Comacchio a Cattolica. Un progetto molto ambizioso per promuovere il turismo slow, le eccellenze e le bellezze naturali del territorio.

“Via Romagna” invece è una nuova ciclovia che aprirà i battenti quest’anno. Un percorso protetto e mappato di quasi 500 km che unirà idealmente le aree più affascinanti e ricche di storia e tradizione della Regione.

“Uno dei motivi più belli del viaggio è la condivisione.” (Ottavia Piccolo)