25/02/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

In questo numero: il fiume azzurro Chang Jiang e Amiata

2 min read

Audio in HD disponibile per le radio. Info 06 4567 72 19

 

Quando sarà di nuovo possibile viaggiare se volete vivere un’esperienza diversa lontana dagli standard mare/montagna e in un posto dove la tranquillità vige sovrana allora non potete lasciarvi sfuggire un viaggio sul letto del fiume azzurro Chang Jiang. Il fiume nasce su un altopiano del Tibet e si stringe nelle tre gole: Qutang, Wu e Xiling. Si tratta del solo canyon al mondo che si può percorrere a bordo di grandi e lussuosi piroscafi da crociera e quando la nebbia avvolge le scogliere e i picchi rocciosi le imbarcazioni navigano in un’atmosfera misteriosa.

Le Tre Gole sono note a livello mondiale per il fatto di ospitare la più grande diga di sbarramento del mondo. Ma quello che i visitatori potranno ammirare lungo il percorso che si apre con le montagne che si gettano a picco nel fiume, sono la foresta di stele subacquea che rappresenta sculture su pietra risalenti al XIII secolo, ma anche i templi antichi e la fortezza Shibao nota come “La fortezza del tesoro di Pietra” che si trova in cima a una collina rocciosa e scoscesa, da dove è possibile ammirare il fiume in tutta la sua impagabile vista. La perla del fiume azzurro è una costruzione incantevole di 12 piani, completamente rivestito di legno e di colore rosso.

Durante questo viaggio acquatico la diversità catturerà il vostro sguardo. Accanto a navi tecnologiche come quelle da crociera ad esempio potrete incontrare le piccole imbarcazioni da pesca, i sampang dalle vele ingiallite e le chiatte che trasportano carbone. La diversità è sicuramente a portata d’occhio e si sa che nel nostro secolo rappresenta un valore fondamentale. La diversità è colore, cultura, ricchezza, scambio, crescita, necessità e fa parte della storia di ogni uomo.

E per concludere: Amiata! attrae a sé il viaggiatore quel vulcano che si erge col suo profilo austero, inconfondibile e maestoso ma con una pendenza dolce sulla estesa campagna toscana. E, bianco di neve, guarda il mare. È spento ormai dalla notte dei tempi ed i suoi benefici su natura e uomo lo rendono meta ideale per camminare lasciandosi alle spalle le preoccupazioni che ci affliggono. Acque calde curative in sorgenti naturali sparse ovunque alle sue falde, distese di castagni profumati e fecondi, faggete a perdita d’occhio, colline morbide e verdi, accanto a vigneti ed oliveti, recintati da cipressi signorili.

“La felicità è un percorso, non una destinazione.” (Madre Teresa di Calcutta)