4 Dicembre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

In questo numero: città italiane arroccate su alte montagne o estese su coste assolate

2 min read

Audio in HD disponibile per le radio. Info 06 4567 72 19

 

Grandi e piccole, medievali, moderne o barocche, ma tutte contraddistinte da fascino e bellezza incredibili. Sono le città italiane, arroccate su alte montagne o estese su coste assolate, che si possono visitare a piedi attraverso itinerari lenti e suggestivi. Da Nord a Sud, tra monumenti storici, scorci panoramici e richiami artistici e culturali che sprizzano in ogni dove, è possibile scoprire il nostro Paese in maniera del tutto inedita.

La piccola e deliziosa Sanremo non ha bisogno di presentazioni. Le strade della città profumano sempre di fiori e passeggiare tra queste è molto piacevole. Da non perdere la Piazza Bresca e il lungomare di palme.

Unica e inimitabile, la laguna nostrana è una di quelle città da visitare almeno una volta nella vita. Percorretela in lungo e largo, lasciandovi incantare dalla magia delle gondole e dei vaporetti, fino a raggiungere la splendida Piazza San Marco, il cuore pulsante di Venezia.

Restiamo a Venezia, per spostarci su un’isola gioiello tutta da scoprire. Burano è una pittoresca oasi surreale, famosa per le case dei pescatori caratterizzate da colori vivaci, una passeggiata tra questi edifici vi farà restare a bocca aperta.

Così bella e intrisa di storia, San Gimignano merita di essere conosciuta a passo lento, vicolo dopo vicolo. Patrimonio dell’umanità Unesco dal 1990, il centro storico della città incanta viaggiatori provenienti da ogni dove.

Tra le città italiane, da scoprire a passo lento, non poteva mancare Perugia, la città dalle origini etrusche, oggi tra le destinazioni più apprezzate tra gli studenti universitari. Il centro storico è tutto da scoprire, tra Piazza IV Novembre con la Fontana Maggiore, fino alla Galleria Nazionale dell’Umbria.

Si arriva a Civita di Bagnoregio solo dopo aver percorso il ripido ponte di pietra, a piedi ovviamente. Poi si entra nella città che muore, un piccolo universo surreale abitato solo da 15 persone, che regala scorci meravigliosi.

Tutti la ricorderanno, la splendida Castellabate che ha fatto da sfondo alla storia del fortunato film Benvenuti al Sud. Parcheggiata la macchina, potrete raggiungere a piedi un suggestivo borgo caratterizzato da vicoli stretti, case accatastate e profumo di limoni in ogni dove.

La città bianca per antonomasia sembra un set cinematografico tutto da scoprire. Una volta giunti a Ostuni non vi resta che passeggiare tra le splendide stradine e lasciarvi suggestionare dal fascino senza tempo della città pugliese.

E per concludere, Matera. Pascoli la definì di dolente bellezza e Levi poetica e malinconia. Quello che certo è che questo tesoro scavato nella roccia bianca merita di essere scoperto.

In attesa del prossimo viaggio, citiamo Giuseppe Ungaretti:

“La meta è partire”