22 Ottobre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Walter Fontana, Debutto da solista per l’ex leader di Lost

5 min read

ART News incontra l’ex Front-man dei Lost . Walter Fontana ha intrapreso la carriera da solista e ci presenta il singolo d’esordio intitolato “Blu Cobalto”. Terminata l’avventura con i Lost, Walter Fontana da oggi viaggia ufficialmente solo. Si apre un nuovo capitolo per il giovane artista vicentino che con il singolo “ Blu Cobalto” inizia la sua nuova carriera da solista .

A distanza di due anni sei tornato sulla scena musicale, da leader di una band a cantante solista, come hai vissuto questo passaggio?

Inizialmente non è stato semplice. Ho sentito il bisogno di staccare per un po’ la spina e mi sono dedicato ai viaggi. Viaggiare mi ha dato la possibilità di vivere emozioni nuove ma soprattutto di conoscere tante persone che mi hanno permesso di ritrovare anche la voglia di scrivere. Infatti non appena sono rientrato ho iniziato a buttare giù i primi pezzi di questo nuovo disco che sto ancora scrivendo.

Il tuo primo album da solista è stato anticipato dal singolo “Blu Cobalto” perché questa scelta?

Nel brano racconto di una storia d’amore importante che purtroppo è finita male e con “Blu Cobalto”  mi sono concesso il lusso di sfogarmi e di liberarmi un pò. Inoltre “Blu Cobalto”  è stato proprio il primo brano che ho scritto a distanza di questi due anni di silenzio e mi è sembrato quasi doveroso iniziare questo mio nuovo percorso con la prima canzone che ne ha poi  segnato l’inizio.

Il videoclip ufficiale di “Blu Cobalto” è stato girato a Londra per la regia di Gabriele Paoli. Ma quanto piace ad un cantante girare videoclip?

Personalmente lo trovo molto divertente. Con i Lost poi, abbiamo girato video a Los Angeles, Amsterdam, Lisbona, Valencia e adesso mi sono ritrovato da artista singolo a girare il video in una città come Londra che mi ha sempre affascinato dal punto di vista artistico e non solo. Quando infatti Gabriele Paoli mi ha proposto di girare il videoclip lì, ho accettato subito. Girare video è come indossare per un po’ anche i panni di un attore. In “Blu Cobalto” in particolare, ho dovuto recitare varie parti e non mi era mai successo. Inizialmente infatti non ero proprio a mio agio ma poi, tutto è andato nel migliore dei modi.

Cosa puoi anticiparci sul tuo nuovo album?

Il nuovo album è ancora in fase di lavorazione e spero esca entro la fine dell’anno. Quel che posso anticiparvi e che ci saranno sicuramente tanti pezzi ognuno dei quali avrà una vita a sé . Alcune canzoni saranno più acustiche, altre più rock, altre ancora , saranno fortemente pop. Devo ammettere che questo mio percorso da solista mi ha permesso di sperimentare molto musicalmente senza pormi alcun limite.

Come nascono le canzoni di Walter Fontana?

Nascono tutte all’improvviso, non esiste una logica o un momento esatto. Nessuna mia canzone nasce quando decido di scriverla, anzi è esattamente l’opposto. Forse però la notte è la parte della giornata in cui mi sento più ispirato . Magari ho in mente un giro di chitarra, comincio a suonare qualche accordo e e di solito il testo viene così di getto in venti minuti.

Partiamo dalle tue origini artistiche, quando hai iniziato ad interessarti alla musica?

Credo che il momento esatto sia stato quando a 15 anni sono entrato in un negozio di dischi ed ho preso in mano il singolo dei Blink182 “What’s my Age Again?”. Ricordo i Blink con chitarre e in mutande in copertina e proprio lì ho pensato “Okay anch’io voglio fare questa cosa qui”. E da lì mi sono appassionato di musica . Ho iniziato a suonare prima il basso poi la chitarra, ho messo su una band nel mio paese e nel 2003 ho incontrato gli altri ragazzi dei Lost coi quali ho intrapreso questo cammino lungo 10anni.

Quali sono i tuoi riferimenti musicali?

Ascolto veramente di tutto, pop ,rock, folk e dance. Forse nel mio ultimo lavoro dicografico si possono notare influenze di band come The Script, The Lumineers e i Mumford & Sons.

Nel tuo futuro pensi potrà mai esserci una reunion con i Lost?

Può essere, io non mi precludo mai nulla né ho chiuso le porte a qualcuno. Con i ragazzi ci siamo trovati spesso in questi mesi ma come amici e se ci fosse la possibilità di fare qualche concerto assieme ben venga. I Lost sono stati parte della mia famiglia per anni, assieme abbiamo ottenuto grandi risultati e al momento solo le nostre strade professionali si sono divise, il bene e l’amicizia quelli no.

Qual è l’ esperienza che ricordi con maggior soddisfazione?  

Forse il traguardo più grande è stato il Best Italian Act per l’ MTV Europe Music Awards. Era il 2009 quando abbiamo vinto come miglior band italiana. Ricordo che ero seduto vicino a Bono Vox e Katy Perry, non mi sembrava vero. Eravamo ospiti e vincitori agli MTV Europe Music Awards (che da adolescente ho sempre seguito in tv). Noi, ragazzi di provincia per la prima volta a Berlino circondati da artisti di calibro internazionale. Un’esperienza indimenticabile che porterò sempre con me.

Progetti futuri e prossimi live ?

Al momento sono molto impegnato per completare il nuovo disco. C’è tanta voglia ed entusiasmo di terminare questo progetto e condividerlo con chi non ha mai smesso di seguirmi. Per quanto riguarda i live, in cantiere ci sono altri concerti con lo street tour, quest’iniziativa partita lo scorso anno a Dicembre e che duplicheremo quest’estate magari lungo le spiagge.

Come ti saresti immaginato se non avessi fatto il cantante?       

Beh non saprei, è una domanda da un milione di dollari. Posso solamente dire che quando ho scoperto la musica ho visto solo quella nel mio futuro ed ogni giorno investo le mie energie e provo con tutte le mie forze a portare avanti questo sogno. Ma se non avessi fatto questo nella vita forse avrei continuato gli studi o forse mi sarei dedicato di più ai viaggi.

Adesso che non sei più membro di una band, il successo con chi lo dividerai?         

Senza dubbio con i miei fan. Sono loro che vengono ai miei concerti, sono loro che scelgono di ascoltare e di comprare la mia musica. Il mio successo va diviso con loro.

Un grande in bocca al lupo ed un ringraziamento particolare  a Walter Fontana

Per ulteriori info: www.facebook.com/walterfontana – www.twitter.com/WalterFontanaof

Carmen De Sio

Email: c.desio@art-news.it

Twitter: @CarmenDeSio

[youtube height=”HEIGHT” width=”WIDTH”]https://www.youtube.com/watch?v=cfuIcjHQbog[/youtube]

Lascia un commento