10/04/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Covid, Confcommercio: niente acquisti natalizi per un quarto degli italiani

2 min read

Un albero di Natale su 4 rimarrà, quest’anno, a secco di pacchi. A raccontarlo sono le stime dell’indagine di Confcommercio sugli acquisti natalizi da cui emerge che oltre un quarto degli italiani non farà regali. Le ragioni sono facilmente intuibili. Alle difficoltà economiche legate alla crisi scoppiata col covid si aggiunge l’impossibilità di celebrare il “rito”: a causa dell’emergenza sanitaria, sarà praticamente impossibile il classico scambio con parenti e amici. A pesare anche un atteggiamento più sobrio, viste le tante vittime causate dalla pandemia.

E anche per chi si dedicherà agli acquisti, solo il 17,3% della tredicesima sarà destinato ai regali. Mentre la maggior parte, oltre 67 euro su 100 verrà utilizzata per spese per la casa, risparmio, tasse e bollette. Alla fine la spesa media per i doni natalizi sarà di 164 euro a testa, circa 5 euro in meno rispetto al 2019. Soprattutto diminuiscono i regali “importanti”, con un costo di oltre 300 euro che risultano il 31% in meno dello scorso anno. Nel complesso la spesa per i doni scende dai 9 miliardi dello scorso anno a 7,3 miliardi.

Il Covid avrà effetto anche sulle abitudini. L’incertezza ha ridimensionato gli acquisti anticipati, effettuati già a novembre. Solo un italiano su cinque si è “portato avanti”, l’anno scorso erano stati oltre uno su quattro. La percentuale di chi ha preferito aspettare dicembre è salita dal 51 al 61%. Generi alimentari e giocattoli restano i due tipi di regali più gettonati. Va però segnalato però il piccolo boom degli abbonamenti alle piattaforme streaming (+ 10,5%) e i buoni regalo digitali (+7%). Vanno bene anche i libri, così come i prodotti tecnologici. L’abbigliamento potrebbe alla fine chiudere il mese con qualche soddisfazione. Crollano viceversa, a causa delle incertezze sulla durata delle limitazioni, le spese che hanno in qualche modo a che fare con la socialità e quindi i biglietti per spettacoli e concerti (- 26%) e i trattamenti di bellezza (- 25%).