19/08/2022

ART News

Agenzia Stampa per emittenti radiofoniche

Elezioni amministrative: per i ballottaggi sono oltre 2 milioni gli italiani chiamati al voto in 65 comuni

2 min read

Gli italiani chiamati al voto oggi sono oltre 2 milioni. Si tratta del turno di ballottaggio delle amministrative che si terranno in 65 comuni (solo due con meno di 15mila abitanti richiamati alle urne dopo il risultato di parità di voti tra i due candidati a sindaco più votati), 59 nelle regioni a statuto ordinario e 6 in quelle a statuto speciale.

Tra le sfide spicca quella di Verona con Damiano Tommasi che per il centrosinistra affronta il sindaco uscente Federico Sboarina, sostenuto da Lega e FdI, ma non da Forza Italia. Altro ballottaggio clou è quello di Parma, dove l’ex assessore di Pizzarotti, Michele Guerra, sostenuto dal centrosinistra ma non dal M5s, se la vede con Pietro Vignali che, presentato da Lega e FI, per il secondo turno elettorale ha ottenuto il sostegno anche di FdI, seppur con qualche incertezza. Gli altri comuni più importanti al voto sono Catanzaro, Gorizia, Cuneo, Piacenza, Lucca, Viterbo.

I seggi per l’elezione dei nuovi sindaci saranno aperti fino alle 23 e lo scrutinio avverrà subito dopo. In nottata quindi i risultati delle sfide.

I comuni al voto. Le regioni a statuto ordinario con il maggior numero di elettori sono Verona (202.638), Parma (146.939), Monza (98.073), Barletta (80.159), Lucca (79.634), Alessandria (73.657), Catanzaro (73.294) e Como (72.132). Le regioni a statuto speciali invece sono Gorizia che è il comune al ballottaggio con il maggior numero di elettori (30.295) mentre Villafranca Sicula, in provincia di Agrigento, quello con il numero minore (1.407).

Come votare. L’elettore dovrà essere munito di tessera elettorale e di un idoneo documento di riconoscimento. La mascherina non è più obbligatoria ma, sottolinea una nota del ministero dell’Interno, rimane “fortemente raccomandata, per l’accesso degli elettori ai seggi e per l’esercizio del diritto di voto”, almeno quella chirurgica. Il voto, come di consueto, si esprime tracciando un segno su uno dei due rettangoli contenenti il nominativo del candidato sindaco prescelto.