04/12/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Omicidio Vannini: per la Cassazione se soccorso in tempo, Marco sarebbe ancora vivo

2 min read

Omicidio Vannini, secondo la Cassazione che ha depositato le motivazioni della sentenza del 7 febbraio, se Marco fosse stato soccorso in tempo, sarebbe ancora vivo. La stessa Cassazione ha disposto un nuovo processo d’appello per Antonio Ciontoli (la cui pena è stata ridotta da 14 a 5 anni) e per i suoi familiari. Per gli ermellini “la morte del ragazzo fu la conseguenza delle lesioni causate dallo sparo e del mancato soccorso” da parte di Ciontoli che “rimase inerte ostacolando i soccorsi”.

I fatti: Marco Vannini si trovava nell’abitazione della famiglia Ciontoli, a Ladispoli (Roma) la sera del 17 maggio 2015 quando fu colpito dallo sparo della pistola di Antonio Ciontoli, il padre della sua ragazza Marina, e rimase agonizzante per 110 minuti.

In primo grado, ricorda la Cassazione nel suo verdetto, Ciontoli fu condannato a 15 anni di reclusione per omicidio perché “nonostante avesse ferito Vannini, ritardò i soccorsi e fornì agli operatori del 118 e al personale paramedico informazioni false e fuorvianti. In questo modo ha cagionato, accettandone il rischio, il decesso, che avvenne alle ore tre del 18 maggio 2015 a causa di anemia acuta meta emorragica”.

Condannati a tre anni di reclusione anche i suoi figli Federico e Martina e sua moglie Maria Pezzillo, per essere stati “spettatori del progressivo peggioramento delle condizioni di salute” di Vannini, “che per il dolore si lamentava ad alta voce”. In appello, invece, l’omicidio fu riqualificato come “colposo” e, tra le proteste dei familiari della vittima, per Ciontoli la pena scese a cinque anni. Rimase invece invariata quella per i familiari.