07/02/2023

ART News

Agenzia Stampa per emittenti radiofoniche

Iran, prima esecuzione di un manifestante contro il regime. Altre 10 le condanne a morte

2 min read

Mohsen Shekari, 23 anni. È il primo manifestante a essere stato ucciso da quando sono cominciate le proteste in Iran, esplose dopo la morte di Mahsa Amini, la 22 enne uccisa perché non indossava il suo hijab nel modo corretto per i dettami islamici. Il giovane è stato impiccato questa mattina, dopo essere stato giudicato da un tribunale rivoluzionario colpevole di “inimicizia contro Dio”. Si tratta della prima sentenza di morte eseguita per un manifestante. A dare l’annuncio dell’esecuzione, la magistratura della Repubblica islamica che ha ricordato i capi di accusa nei confronti del ragazzo. Shekari era accusato di essere un “rivoltoso”, autore di disordini vari. Il 25 settembre bloccò una strada principale a Teheran e ferì con un coltello un membro delle forze paramilitari Basijdi. Durante l’udienza dello scorso 10 novembre, l’imputato aveva confessato i fatti a lui imputati e confermato le accuse a suo carico.

Mahmood Amiry-Moghaddam, direttore di Iran Human Rights con sede in Norvegia, ha reso noto in un post che, stando a quanto appreso, le esecuzioni dei manifestanti inizieranno a verificarsi quotidianamente a meno che le autorità iraniane non siano messe di fronte a “rapide conseguenze pratiche a livello internazionale“. Intanto, la magistratura iraniana ha annunciato che fino a questo momento sono 11 le persone condannate a morte per le proteste iniziate a metà settembre, dopo la morte di Mahsa Amini, che si trovava in stato di arresto, sotto la custodia della polizia morale.

Le manifestazioni guidate dalle donne si sono estese a 160 città in tutte le 31 province del Paese e sono viste come una delle sfide più serie per la Repubblica islamica dalla rivoluzione del lontano 1979. I leader iraniani hanno descritto le proteste come “rivolte istigate dai nemici stranieri” del Paese e hanno ordinato alle forze di sicurezza di “affrontarle con decisione”. Finora, almeno 475 manifestanti sono stati uccisi e 18.240 sono stati arrestati. Gli ultimi dati sono stati diffusi dall’agenzia di stampa degli attivisti per i diritti umani Hrana che ha anche riportato la morte di 61 membri del personale di sicurezza.

Autore