25/09/2022

ART News

Agenzia Stampa per emittenti radiofoniche

Rassegna: è il trenta giugno, Juventus e Milan tirano le somme contrattuali. Juve senza due giocatori top, Milan alla svolta

3 min read

Rassegna stampa di giovedì 30 giugno, ultimo giorno di validità dei contratti 2021-22, da domani si aprono ufficialmente le trattative depositabili, mentre ad oggi scadono ufficialmente i contratti non rinnovati. È il caso della Juventus, la quale si prepara a salutare due giocatori importanti come Dybala e Morata. Lo spagnolo, con un post ha voluto far sapere a tutti le proprie sensazioni in merito, in un momento così delicato per la propria carriera: “Una delle cose più belle che mi sono capitate nella mia vita è stata avere l’opportunità di indossare questa maglia, ma ancor di più avere la possibilità di far vedere ai miei figli cosa vuol dire “Juventus” come forma di vita e questo lo porteranno sempre nel cuore”. Per lui la Juve non ha esercitato il riscatto, dopo la fine del prestito biennale dall’Atletico Madrid, riscatto non esercitato come già successo in passato”.

ANCORA MORATA- “Edoardo è nato a Torino e sono orgoglioso di questo. Grazie a tutti i miei compagni, staff e direttori, ai magazzinieri, fisioterapisti, medici e tutte le persone che lavorano dietro le quinte tante ore per noi… grazie di cuore siete persone meravigliose! A voi tifosi grazie mille per il vostro sostegno e una cosa è chiara: ho sempre difeso questa maglia con tutte le mie forze e sarò sempre juventino. Grazie di tutto FINO ALLA FINE”.

E a tal proposito si è espresso anche Arrivabene attraverso i microfoni di Tuttosport ma le parole dell’ad si riferiscono a Dybala

COSA È ACCADUTO- “Diciamo che c’è stata una decisione senza se e senza ma su questa vicenda e l’abbiamo messa in atto. C’era stato un accordo, poi c’è stato l’aumento di capitale, ci siamo tutti presi una pausa, di cui i procuratori erano informati e d’accordo, per effettuare valutazioni all’interno del Consiglio di amministrazione. Ci siamo rincontrati e abbiamo detto che i termini erano cambiati, perché volevamo muoverci in maniera diversa. Per cui da un contratto quadriennale a certe cifre, che vorrei evitare di citare per evitare ulteriori polemiche, siamo passati a un’altra strategia. Anche perché tutti sanno chi è arrivato a gennaio, no? Ma questo non ha compromesso i rapporti, non c’è stata nessuna guerra fra noi e Dybala”.

Trenta giugno anche per il Milan, la questione qui riguarda più da vicino Maldini e Massara

ED ORA COSA SUCCEDE- Ultimo giorno di contratto del d.t. e del d.s. del Milan Maldini e Massara, come ricorda Sportmediaset, grandi artefici dello scudetto vinto solo poco più di un mese fa. Presto entrambi saranno liberi di firmare con altre squadre e non potranno più operare sul mercato per conto dei rossoneri. Tra poco la squadra si radunerà per ripartire, per loro invece dopo un lungo scambio di bozze tra gli avvocati delle parti tra Milano e New York, questa mattina i due dirigenti avrebbero ricevuto via mail il contratto definitivo, formalizzato dalla proprietà rossonera e pronto per essere firmato, dunque in tempo per ripartire insieme alla grande.