23 Settembre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

MotoGP, Valentino Rossi replica a Marquez: riesplode la storica rivalità tra i due

2 min read

Nemmeno il tempo di rifiatare dopo il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini, che già si torna in pista. Domenica prossima 22 settembre si corre ancora per il Motomondiale 2019. Per la classe MotoGP, la partenza del GP d’Aragona sul circuito “Ciudad del Motor de Aragon” è alle 14. Intanto, dopo un periodo di tregua è tornata la guerra verbale tra Marc Marquez e Valentino Rossi. Domenica scorsa il campione del mondo in carica ha trionfato a Misano sorpassando il francese della Yamaha Petronas Quartararo proprio in extremis; e al termine della gara è esploso in un’esultanza focosa che non certo è passata inosservata. Il “Marcziano” ha spiegato di aver reagito in quel modo per via delle ultime due sconfitte, ma anche per quanto accaduto sabato in qualifica con il Dottore.

Le risposte del “Folletto di Tavullia”. Valentino Rossi prima è tornato sul Gran Premio di San Marino dicendo: “Speravo di poter lottare per il podio, sarebbe stato bello davanti a questa gente, ma la gara è andata come mi aspettavo. Forse mi aspettavo qualcosa più da Viñales e meno da Quartararo, ma loro erano più forti. Negli ultimi 3-4 giri il mio passo era buono e vicino ai primi, ma anche senza la Ktm che ho avuto davanti sarebbe stato difficile stare vicini a Maverick. Dalla ripresa del Mondiale va meglio, ma questo è il nostro potenziale, le altre Yamaha riescono ad aprire il gas prima di me e scivolano di meno: è lì che devo crescere. Il 4° posto ci può stare, ma il distacco non va”. Poi sull’esagerata esultanza del suo storico rivale iberico, ai microfoni di Sky Sport, Vale prima dichiara: “Mi pare andasse forte pure prima. In realtà io credo che Marquez fosse molto contento perché aveva battuto nel finale Quartararo, che sarà un rivale tosto. E oggi, in effetti, ha fatto proprio una grande gara”. Successivamente, il Dottore affonda: “Io non ho bisogno di litigare per spingere al massimo”. Insomma, la grande rivalità è tornata. In realtà si era soltanto sopita.