Trivelle: Sì al referendum

Il Sì sulla possibilità di un referendum per la questione Trivelle, è arrivato anche dalla Corte Costituzionale.

In esame la durata delle autorizzazioni per trivellazioni ed esplorazioni, proposta dai Consigli regionali di Molise, Campania, Puglia, Liguria, Veneto, Sardegna, Basilicata, Marche e Calabria.

E il Governo pone l’attenzione sulle norme previste dalla Legge di Stabilità, che sanciscono il divieto di trivellazioni entro le 12 miglia mare, condizione questa che ha costretto la Cassazione a presentare come quesito del referendum solo quello relativo alle concessioni, della durata utile all’esaurimento dei giacimenti.

Soddisfazione delle associazioni ambientaliste; Greenpeace, Legambiente, Marevivo, Touring club italiano e Wwf commentano la decisione presa dalla Corte Costituzionale: “La sentenza conferma l’inefficacia del tentativo del governo di scongiurare il referendum sulle trivelle”.

Decisione rimessa quindi alla volontà dei cittadini: “Il presidente Matteo Renzi deve essere contento quando il popolo irrompe sulla scena della democrazia; la campagna referendaria comincia subito”; queste le parole del governatore della Puglia, Michele Emiliano.

News Correlate

Lascia un Commento