27/09/2021

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Covid, il punto sulle vaccinazioni: il 60% della popolazione over 12 ha completato il ciclo

2 min read

La campagna vaccinale in Italia prosegue spedita. Dal consueto report del governo si apprende che sono state immunizzate 32.404.909 persone, ovvero il 60% della popolazione over 12. I dati nel dettaglio: le somministrazioni sono state 68.507.301, mentre le dosi distribuite sono state 71.336.832.

La soddisfazione del commissario straordinario. Francesco Paolo Figliuolo commenta: “E’ un traguardo importante che conferma la validità del piano vaccini. Il risultato rappresenta una tappa importante verso l’immunità di comunità, che è prevista entro la fine di settembre, con il completamento del ciclo vaccinale da parte dell’80% della platea da vaccinare”.

La sottolineatura del generale. Figliuolo aggiunge: “Voglio rimarcare la sinergia tra Regioni/Province autonome, enti pubblici e privati, Protezione Civile, Difesa e il mondo delle associazioni di volontariato. La campagna vaccinale procede con continuità, con una media superiore alle 500mila somministrazioni al giorno e potrà contare sulla disponibilità di ulteriori dosi di vaccino Pfizer, a partire dalla terza settimana di agosto”.

L’Italia si colloca sopra la media europea per numero di somministrazioni in proporzione alla popolazione. E il commissario straordinario inoltre ricorda: “Tale fornitura aggiuntiva è stata chiesta e ottenuta nel corso di colloqui tra il premier Mario Draghi e la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen, centrati sulla disponibilità dei vaccini e alla ridistribuzione tra Paesi Ue”.

Il commento del ministro della Salute. Roberto Speranza su Facebook scrive: “Il 60% della popolazione italiana vaccinabile ha completato il suo ciclo. è un primo importante risultato che ci consente di guardare con maggiore fiducia al futuro. Dobbiamo continuare su questa strada perché è proprio con i vaccini che possiamo proteggere meglio noi stessi e gli altri. Grazie a tutte le donne e gli uomini del Servizio Sanitario Nazionale che hanno lavorato duramente a questo obiettivo”.