Gerusalemme: identificato e ucciso l’attentatore del camion

Torna l’incubo terrorismo a Gerusalemme. Un camion è piombato su un gruppo di soldati su una delle strade principali, Armon Hanatziv, in quello che la polizia ha definito un “possibile atto terroristico”. L’autista, è stato “neutralizzato”, ha reso noto proprio la polizia israeliana, che citando fonti del pronto soccorso, ha precisato che le vittime dell’attacco di oggi a Gerusalemme sono tre donne e un uomo, tutti sui 20 anni. Ci sarebbero anche dei feriti.

1476007626543-jpg-attacco_a_gerusalemme__due_morti

L’attentatore è stato anche identificato, si tratta di un 28enne palestinese Fadi al-Qanbar.

Lo riferiscono i media palestinesi, precisando che l’attentatore proviene da Jabel Mukaber, quartiere orientale di Gerusalemme. Intanto Hamas plaude all’attentato: “Avanti con l’Intifada”.

“E’ un attacco terroristico”, ha dichiarato senza mezzi termini il portavoce della polizia su Israel Radio, aggiungendo che ci sono corpi “sparsi lungo la strada”.

Israeli border police-women patrol a street following an attack by three Palestinian assailants at Damascus Gate, a main entrance to Jerusalem's Old City on February 3, 2016.  Three Palestinians armed with a gun, knives and explosives attacked Israeli police outside Jerusalem's Old City, leaving at least two officers seriously wounded and the attackers shot dead, police and medics said.  / AFP / AHMAD GHARABLI        (Photo credit should read AHMAD GHARABLI/AFP/Getty Images)

Il camion ha travolto i passanti su una popolare passeggiata che affaccia sulla Città vecchia. Il veicolo ha una targa israeliana. In città è stato alzato immediatamente il livello di allarme. I soldati travolti erano appena scesi da un autobus. Dopo averli investiti, l’attentatore ha ingranato la marcia indietro ed è ripassato su di loro. A quel punto i militari rimasti illesi hanno fatto fuoco, uccidendolo. Lo ha raccontato alla radio militare l’autista del mezzo che trasportava i soldati.

“Quand’è che il mondo capirà che il problema è l’odio palestinese?”.

Così via Twitter il portavoce del ministero degli Esteri israeliano Emmanuel Nahshon ha commentato quello che definisce un “nuovo attacco palestinese” a Gerusalemme.

News Correlate