23 Settembre 2020

ART News

Le Notizie in Tempo Reale

Motociclismo, importante annuncio dall’Academy VR46 di Valentino Rossi

2 min read

Manca sempre meno all’ultima tappa del Motomondiale 2019: domenica 17 novembre si correrà il Gran Premio della Comunità Valenciana, poi per team e piloti solo vacanze e soprattutto test in vista del 2020. Intanto, si apprende che l’Academy di Valentino Rossi è alla ricerca di giovani talenti. La prossima stagione il team Sky VR46 sarà in pista con Luca Marini e Marco Bezzecchi che prende il posto dell’uscente Nicolò Bulega. Mentre, nella classe Moto3 rimane il promettente Celestino Vietti, che andrà ad affiancarsi ad Andrea Migno al posto di Dennis Foggia.

La storia della scuderia VR46 e le parole di Pablo Nieto. L’Academy esiste da cinque anni e ha già vinto un Mondiale nel 2018 con Pecco Bagnaia in Moto2. Franco Morbidelli invece ha vinto un titolo iridato con un’altra squadra. Francamente, ci si attendeva qualcosa in più da Fenati, Migno, Bulega e Foggia. Per il futuro, l’Academy cerca nuovi talenti. A tal proposito, Pablo Nieto, intervistato da Speedweek.com, ha detto: “Al momento non abbiamo una squadra nei Campionati Mondiali Junior. Ma abbiamo due talentuosi piloti nel Junior Team nel campionato italiano Moto3, ma sono ancora troppo inesperti per la Coppa del Mondo. Lorenzo Bartalesi (nato nel 2002) ed Elia Bartolini (nato nel 2003)”.

In programma un cambio generazionale. Ricordiamo che i piloti del team Sky VR46 devono provenire dall’Academy VR46 ed essere assolutamente italiani. Su questo punto Pablo Nieto ha spiegato: “Non è così facile trovare piloti italiani veloci. Ma non sai mai cosa succederà in futuro. Per il momento, supportiamo solo gli italiani con il progetto Academy. Vietti è una promessa per il futuro. Nel 2018, al suo secondo Gran Premio, ha conquistato il terzo posto sul podio. Sì, mi piace molto Celestino. Adoro il suo personaggio. Fa un ottimo lavoro. Ha un ottimo feeling con la squadra. Lui ascolta attentamente. Questo è molto importante. Lavoreremo molto con lui”.